Categorie: Cultura e territorio

‘A spartènze: l’antica serenata che lo sposo dedicava alla promessa sposa a Foggia

L'ulltima dichiarazione d'amore prima del grande giorno

Foggia – Nella nostra città, come in tante altre del Sud Italia, ci sono antiche tradizioni che fanno parte del patrimonio culturale di ogni famiglia e che si tramandano di generazione in generazione. Tra queste vi è la caratteristica serenata dello sposo alla promessa sposa, la tradizionale “Spartènze” foggiana.

A Foggia, ‘A spartènze’ è la tipica serenata che lo sposo porta alla promessa sposa la sera prima del matrimonio. Nella vecchia tradizione foggiana, lo sposo, con gli amici, armati di chitarra, mandolino, violino e, soprattutto, voce, si recava sotto il balcone o la finestra della futura sposa per intornarle dolci parole, l’ultima dichiarazione d’amore prima del grande giorno.

Immaginiamo la scena: la sposa, nervosissima. si sta preparando per il giorno dopo, ad un certo punto sente una musica provenire dalla strada. Si affaccia alla finestra e vede il suo futuro sposo. Non resta che godersi lo spettacolo e la dolcissima dichiarazione d’amore.

“Lo sposo, con la sua serenata, cerca di assicurarla per l’imminente grande evento che li attende, per il futuro insieme e per renderle più facile il distacco dalla famiglia d’origine, perciò penso che la parola “spartenza” stia proprio ad indicare quest’ultimo aspetto”, scrive Alberto Mangano sul suo sito manganofoggia.it.

E ancora: “Conosco molto bene questo canto popolare, la musica che lo accompagna, un valzer lento in tonalità minore, perchè era il “cavallo di battaglia” di mio padre da cui l’ho ascoltato decine e decine di volte, quando la sera, fra amici, veniva sollecitato a cantarla accompagnadosi con la sua chitarra e a volte con un improvvisato cuncertìne“.

Ecco la tipica serenata foggiana:

‘A vita tonna tònne

u’ pìtte a palummìlle,

tu tìne l’ùcchije du mariuncìlle

e m’è ‘rrubbàte ‘stu còre a me.

Ije da qua nen me ne vàche

e ne me stànche de fa sòtte e sòpe,

sìje sòtte a l’àcque, sìje sòtte o’ vìnde

si nen te vède uhe Nènne affaciàte.

Quànne a tatàije me presèntàije

ije le decìije dòije paròle:

tu ne ne tìne, ‘ccùssì me la dàije

pe sènza sòlde me l’hagghia spusà.

Cùmme hamma èsse felìce nùije dùije

quànne quillu ijùrne ce vestìme da spòse,

ije ca catòbbe e tu ‘mpìtte ‘na ròse

Nènne me mòre, me mòre pe te.

Quanda remòre pe tùtte u’ quartìre

quànne se mèttene i sùne a sunà,

tràsene i parìnde, ta dànne la màne,

se vòtene de cùle e se mèttene a ballà.

Iàme a fa vìsete a tùtte i parìnde,

da ziòlle Assùnde e cummàrema Chelìne,

ca pastarèlle e cu beccherìne

quanda accugliènze ca nuije avìmme avè.

Facìme nu fìgghije e ‘u chiàmeme Chelùccije,

nùije l’ampàreme a ‘pparà ‘i tagghiòle,

vi quant’onòre, vi quant’onòre

che ‘stu fìgghije a nùije ce adda dà.

Rit. (da inserire ogni una, due strofe)

Tùnne, tùnne, tùnne,

da Porta Grànde a Pùzze Retùnne,

tùnne, tùnne, tùnne,

da Porta Grànde a Pùzze Retùnne.

Rit. (Variante usata da mio padre)

Tùnne, tùnne, tùnne,

quanda fetìnde stànne a ‘stu mùnne,

tùnne, tùnne. tùnne,

da Porta Grànne a Pizzeretùnne.

Fonte: Alberto Mangano: http://manganofoggia.it

Share
Pubblicato da
redazione