Festa del Soccorso, l’antica e “folle” tradizione di San Severo

Conoscete la stravagante tradizione di San Severo?

Foggia Reporter

San Severo – La Festa del Seccorso (che va in scena ogni anno la terza domenica di maggio e si protrae fino al lunedì successivo) è sicuramente il momento più atteso a San Severo. Un’antica tradizione che ha in sè anche un po’ di follia.

Durante le batterie, conosciute anche come “fuochi”, sono sequenze di esplosioni di diversa intensità che si sussegiono tra le strade della città. Molte persone, memori di una tradizione antichissima che affonda le sue radici nel lontano ‘700, iniziano a correre seguendo i fuochi, sono i cosiddetti “fujenti che corrono appresso il fuoco”.

Festa del Soccorso: l’incendio di una “batteria” nel quartiere del Rosario (primi anni del Novecento)

I fujenti danno vita ad un vero e proprio spettacolo di adrenalina, una corsa collettiva che rappresenta, simbolicamente, una fuga dalla morte e dal dolore. Un modo per liberarsi dal male, anche se può prevedere qualche ferita.

La prima testimonianza del fenomeno è un documento del 1707, in cui spicca l’invito rivolto dal clero parrocchiale di San Severino alla congregazione dei Morti al fine di «sollennizzare la festa di essa Santissima Pietà nell’ultima Domenica di Maggio […] co’ ogni pompa possibile per maggior’ aumento, e devotione di essa Santissima Vergine, con sparatorii».

Dopo tanti anni, ancora, oggi questa festa tradizionale legata alla celebrazione della Madonna del Soccorso, patrona principale della città e della diocesi, è un momento molto suggestivo, spettacolare e sicuramente folkloristico. Una valvola di sfogo, un modo per celebrare, tutti insieme, la liberazione dal male e dalle tensioni.

Recentemente il candidato sindaco di “Volare Alto”, Raffaele Fanelli, ha promosso un tavolo tecnico per studiare una proposta da presentare all’Unesco per chiedere che la tradizionale e rinomata Festa del Soccorso venga riconosciuta Patrimonio Unesco.

“La Festa del Soccorso è la festa dei sanseveresi, il culto della Madonna Nera e dei santi Severo e Severino accompagnano la nostra comunità da secoli”, dice Raffaele Fanelli. Continua: “La nostra festa viaggia sui binari del culto e della tradizione: il riconoscimento permetterebbe alla nostra comunità di trarre tantissimi vantaggi in termini di immagine, economia e turismo, oltre all’ambìto riconoscimento internazionale di una festa unica al mondo, che unisce il sacro della processione barocca al profano della corsa dei fujenti“.

Ecco il programma di oggi, lunedì 20 maggio.
Ore 8:00 5 Colpi Contrada Masciocco a cura di Apulia Events;
Ore 8:30 In Cattedrale , benedizione del Podisti sanseveresi e omaggio floreale alla Vergine Maria SS. Del Soccorso in seguito, per le vie cittadine si svolgerà il quinto allenamento podistico collettivo organizzato dalla A.S.D.I “Senza Tempo” – San Severo.
Ore 8:45 Giro per le vie della Città dei due Complessi Bandistici “Città di San Severo” diretto dal M°A. Ciccone e “Synphonic Band” diretta dal M° F.Buono a cura del Comitato Festa Patronale e dell’Arciconfraternita Maria SS. Del Soccorso.
Ore 9:15 Ritorno del Simulacri degli Arcangeli In Santuario.

Ore 10:15 Solenne Processione con I Simulacri di Maria SS. Del Soccorso, di S. Severo Vescovo e di S.Severino Abate percorrendo via Soccorso, Piazza della Repubblica,Piazza Municipio, via V.Emanuele, Corso Garibaldi, via T.Masselli, via Don Minzoni, viale Matteotti, Via Ergizio, via Soccorso, Santuario. Successivamente coi simulacri di San Severo e San Severino Abate si prosegue per le rispettive chiese: Cattedrale e San Severino Abate proseguendo per via Soccorso, Piazza della Repubblica, Piazza Municipio, via San Severino. Durante il percorso processionale, ci sarà la consueta accensione delle classiche “batterie alla sanseverese” a cura dell’Associazione Procivitate e dei Rioni.
Ore 10:30 5 Colpi Contrada Masciocco a cura di Apulia Events;
Ore 11:00 Al passaggio della processione, spettacolo scenografico di coriandoli ed omaggio floreale; esibizione dell’Ave Maria del soprano Soccio Grazia accompagnata dal M° M.D’Aiola. A cura della fam. De Stasio Luigi.

Ore 13:30 Via Don Minzoni all’arrivo della Madonna verrà eseguita “l’Ave Maria” dalla Soprana Tina De Luca.
Ore 14:00 Al passaggio della processione In Viale Matteotti esecuzione della musica sacra eseguita dal duo Maestri Simona De Finis al pianoforte e Chiara Ottaviano al violino.
Dalle ore 16:00 alle ore 21:00 (mattina chiuso) al MAT visite guidate gratuite al patrimonio
archeologico,alla Pinacoteca Luigi Schingo ed a«SPLASH! Archivio Andrea Pazienza».
Ore 20:00 Accensione Luminarie.
Ore 21:00 presso Enopolio Daunio – Enoteca Culturale “Degustazione Vini della Daunia”, via Soccorso n.86 San Severo.
Ore 23:30 Spettacolare Batteria alla Bolognese eseguita dall’originalità della APULIA EVENTS F.LLI DEL VICARIO.