Categorie: Cultura e territorio

Ferragosto a Foggia, tra sacro e profano

Ferragosto e le antiche tradizioni della nostra città

Foggia – Le origini del Ferragosto sono antichissime, nell’antica Roma era una festa denominata Feriae Augusti, era un periodo di riposo e di festeggiamenti legati alla fine dei lavori agricoli, poi con il Cristianesimo la festa laica coincise con l’Assunzione di Maria in Cielo. A Foggia, da sempre, questa festa estiva ha un sapore sacro e profano molto forte ed è molto sentita dai foggiani.

L’Assunzione di Maria al cielo è un dogma di fede dichiarato dal 1950 e nella nostra città, oltre a coincidere con il Ferragosto, è una festa legata direttamente alla Madonna dei Sette Veli, la Santa protettrice della città.

In città accorrono da tutta la provincia per gli splendidi fuochi d’artificio della mezzanotte, per le tante e colorate bancarelle che vendono dolci, croccanti pannocchie (i pilanghill) e grosse e fresche fette rosse di anguria con le quali rinfrescarsi. A Foggia il Ferragosto è una vera e propria festa, la festa dell’estate per eccellenza.

Sebbene la ricorrenza della Santa Patrona cada il 22 marzo, nel giorno di ferragosto i foggiani amano ringraziare la Vergine per il raccolto avuto. Le due date, 22 marzo e 15 agosto, sono direttamente legate al ciclo della semina e del raccolto del grano ed essendo il gallo un simbolo di questo cereale, perché di esso si nutre, l’animale diventa un’icona della festa foggiana, chi non hai mangiato il tradizionale gallucce?

“Chi magne gallucce e chi gnotte velene” è una frase tipica del terrazzano che, non avendo terreni da coltivare, non aveva possibilità di festeggiare con il gallo la festa del quindici d’agosto. Ormai a Foggia si è persa la tradizione in voga subito dopo il dopoguerra con la quale i commercianti foggiani, per dare la possibilità a tutti i cittadini di onorare la tavola della festa con il galluccio e altri tipi di cibarie.

Si usava comporre “u canestre”, che consisteva in un acconto giornaliero di pochi spiccioli, durante tutto l’anno, per poi ricevere un cesto (il canestre appunto) contenente formaggio, pane, pasta e il rinomato galluccio.

Oggi l’antica usanza del tradizionale gallucce è andata scemando, al punto che in città sono rimasti pochi i tradizionalisti. A tal proposito vogliamo riportare un interessante dialoghetto tra due popolani.

“Ce vuleve probbete sta santa jurnate pe farece truvà pe la strate; – eja luvere, da quanta tiempe ca nce vedemme; daddò vine? – n’u vite? So jut’accattà sti tre gallucce; a la femmine l’eja cuntantà; so jurne arrecurdevole; e po’ cumpà, ce stanne, pure li criature, li vuò fa scì l’uocchie da fore a sente l’addore ca vene da li case vicine? – aje raggione, ma jie nemm’i pozze accattà, sime assaje, quanta gallucce ce vurrinne?

Vuò sapè che deje ca fazze? Agghie ditte a megghierema mia, accatte doje belle pedeje, mbutteniele bone bone e cu ragù cunzame i chianchette c’a ricotta tosta; è fatta na bona penzate; cumpà t’arrecuorde quann’ereme criature ca i gallucce se magnavene pure int’a jurnate i prime d’aguste? – cumpà, ne me facenne arrecurdà certi tiempe, quanne l’ajene jeve a dudece solde u chine; – state buone, e boni feste che tutte la famigghie”.

Fonte: manganofoggia.it

Leggi anche: Ferragosto 2019 a Foggia

Share
Pubblicato da
redazione