Home»Eventi»Tutti a guardar le stelle: a Foggia l’8 aprile si inaugura la stagione astronomica

Tutti a guardar le stelle: a Foggia l’8 aprile si inaugura la stagione astronomica

Sabato 8 aprile primo appuntamento per la nuovissima stagione astronomica che interesserà Foggia e la provincia

“E quindi uscimmo a riveder le stelle”. Così recita l’ultimo verso dell’Inferno della Divina Commedia di Dante e questo è l’invito del primo evento della stagione astronomica che illuminerà tutta la Provincia di Foggia grazie al Gruppo Astrofili Dauni. Stiamo parlando dell’appuntamento che si terrà sabato 8 aprile a Foggia dalle ore 20:00, presso il Centro polivalente Parcocittà (Parco San Felice), ospiti dell’associazione Amici del Parco.

Durante la serata “stellare” parteciperà come moderatore Antonio Piazzolla, giornalista e divulgatore scientifico di cui avevamo già parlato a dicembre in occasione della sua vittoria del premio nazionale per la divulgazione scientifica in Italia. Il gruppo astrofili sarà presentato da Nunzio Micale e a seguire inizieranno poi le conferenze riguardanti la volta celeste di Claudio Vantaggiato, e sulle meteoriti con Francesco Maio.

A seguire, alle ore 21:00, tutti i presenti saranno invitati a spostarsi all’esterno per osservare il cielo con i telescopi degli astrofili, chi non hai mai desiderato ammirare le stelle da un telescopio? Questa è l’occasione giusta! Ci saranno poi gli interventi della prof.ssa Lucia Ciuffreda e degli astrofili/astrofotografi Giovanni Costantino Lobasso e Rocco Scarnecchia. L’ingresso è libero e gratuito.

Abbiamo fatto due chiacchiere con il giovane foggiano Antonio Piazzolla per scoprire come è nato questo progetto che mira ad avvicinare i foggiani alle stelle.

Come mai hai deciso di realizzare questo evento?

Da diverso tempo desideravo realizzare uno “star party” in città; un tipo di evento nato un’idea di Giorgio III d’Inghilterra, mutato nei secoli fino a raggiungere la tipologia attuale negli anni ’30 per mano di Shelley Stoody, un imprenditore californiano. Astrofili esperti e amanti delle stelle si incontrano con i propri telescopi per osservare il cielo, scambiarsi consigli sulla strumentazione e acquisizione fotografica e avvicinare nuovi “adepti” facendo divulgazione.

Come hai trasformato il tuo desiderio in realtà?

Mi sono messo alla ricerca di astrofili di Foggia e provincia da coinvolgere dal momento che un evento simile necessità si di strumenti ed esperti ma anche e soprattutto di appassionati disposti a sacrificare il proprio tempo libero e a condividere la propria conoscenza personale con tutti i curiosi che vogliono conoscere l’universo. L’idea si è concretizzata quindi grazie al supporto del Gruppo Astrofili Dauni (di cui sono entrato a far parte) e dell’associazione “Amici del Parco”. Ringrazio personalmente Peppino D’Urso per la disponibilità della struttura concessaci e Rita Amatore che ha realizzato la locandina dell’evento.

Credi che la città sia pronta ad avvicinarsi all’astronomia?

Devo dire che i foggiani hanno reagito piuttosto bene a questo stimolo ancestrale mostrando, fin dai primi comunicati stampa, interesse ed entusiasmo. Con questo primo incontro intendiamo presentarci alla cittadinanza come gruppo e dare inizio ad una serie di eventi, si spera longeva negli anni, dedicati all’astronomia.

“Si dice che quando una persona guarda le stelle è come se volesse ritrovare la propria dimensione dispersa nell’universo”, scriveva il pittore surrealista Salvador Dalì. Noi vi invitiamo a ritrovare la vostra dimensione, sabato, perdendovi con lo sguardo verso il magico manto stellato, con le parole di Nunzio Micale, fondatore del Gruppo Astrofili Dauni.

«Spero che i vari appuntamenti possano sensibilizzare le persone, soprattutto i giovani, che hanno sempre meno tempo e poco interesse ad alzare gli occhi al cielo. Lo spazio è un mondo affascinante e il suo studio permette di scoprire le meraviglie e i misteri dell’universo che ci circonda, perciò, l’8 aprile sarà un imperdibile occasione per conoscere sotto la guida di astrofili esperti questo affascinante campo scientifico».

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Stroppa ad un passo dal record del Foggia di Marino 2002/2003

Articolo successivo

Emiliano cade durante un ballo folcloristico: infortunio al tendine d'Achille