Home»Eventi»Torna “Il Teatro Ha Classe”, progetto di divulgazione della lirica dedicato alle scuole foggiane

Torna “Il Teatro Ha Classe”, progetto di divulgazione della lirica dedicato alle scuole foggiane

Sarà il teatro Umberto Giordano ad ospitare il progetto ‘Il Teatro Ha Classe’, i cui protagonisti sono gli studenti

Il 24 ottobre, alle ore 9 alle 13, il Teatro Comunale “Umberto Giordano” di Foggia ospiterà la prima delle giornate dell’edizione 2018 del progetto “Il Teatro Ha Classe”.

Il Comune di Foggia, tramite l’Assessorato alla Cultura, prosegue con l’iniziativa culturale e d’inclusione sociale dedicata alle scuole cittadine che sta riscuotendo tanto successo e costituisce ormai uno dei capisaldi dell’attività di divulgazione legata al mondo dell’opera del grande compositore foggiano Umberto Giordano.

Si tratta di una sperimentazione per valorizzare la funzione sociale della cultura e dei luoghi a questa dedicati a Foggia, nonché per avvicinare i giovani foggiani e le scuole al Teatro e alla sua storia, che è parte importante della storia della città.

Il tema della quarta edizione dell’iniziativa è “riscopriamo la bellezza”. Un concetto importante che ha l’obiettivo di stimolare i ragazzi in un’azione tiene insieme conoscenza del patrimonio artistico e culturale per raccontarlo, in maniera innovativa e coinvolgente e introdurre un nuovo elemento di connessione con l’esterno. 

Il primo appuntamento sarà riservato agli alunni delle scuole primarie e delle secondarie di primo grado. All’inizio di novembre, l’esperienza sarà ripetuta a vantaggio degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado.

«La Cultura e la sua divulgazione sono sempre stati punti di riferimento importanti per questa amministrazione – ha sottolineato il Sindaco di Foggia Franco Landella – e l’attenzione per le giovani generazioni, l’impegno a coinvolgerle nelle iniziative del nostro teatro, dono un punto qualificante delle nostre scelte politiche. “Il Teatro Ha Classe” è stata parte integrante di un grande progetto di promozione della conoscenza del Maestro Giordano e contiamo di aver stimolato la curiosità e –perché no?- di aver anche suscitato un po’ di passione per la sua musica e per il nostro teatro tra i foggiani più giovani. Una funzione di educazione all’ascolto della musica e alla comprensione della lirica e della prosa che pensiamo di aver assolto in modo egregio, cominciando a formare il pubblico teatrale foggiano per gli anni a venire».

«Sentiamo sempre più forte il dovere – ha aggiunto Anna Paola Giuliani, Assessore comunale alla Cultura – di stabilire un legame con le giovani generazioni per connettere il presente con il futuro e reagire positivamente alle sollecitazioni che da più parti rappresentano la nostra comunità in maniera non corretta. Abbiamo il dovere di accettare sempre nuove sfide e di generare le condizioni per consentire ai nostri ragazzi di condividere obiettivi e visione del futuro, puntando su un concetto preciso: la bellezza della cultura può salvare il mondo».

0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Gli studenti in scena per la salute

Articolo successivo

Arresto del buttafuori del Domus: il commento dell'A.I.S.S.

Nessun commento

Lascia un commento