Home»Eventi»Teen explorer, la Puglia in prima linea per contrastare il bullismo

Teen explorer, la Puglia in prima linea per contrastare il bullismo

Le parole di Michele Emiliano durante la giornata conclusiva di "Teen Explorer", una iniziativa del servizio di Psicologia-Progetto Giada dell’ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari

“La Regione Puglia è in prima fila nella lotta a tutte le forme di bullismo e di altri pericoli derivanti dall’uso improprio del web. Il bullismo, nella sostanza è la persecuzione sistematica e senza ragione di qualcuno che viene individuato come bersaglio. E l’impatto psicologico su queste persone, e la persecuzione che subiscono, è alle volte devastante, e può portare persino a scelte drammatiche” – ha dichiarato il governatore della Regione Puglia, Michele Emiliano, in occasione della giornata finale del quinto festival ‘Teen explorer‘, il progetto di contrasto al bullismo (anche online) rivolto agli studenti pugliesi.

“La Regione Puglia sostiene da molti anni questo progetto, soprattutto per consentire ai ragazzi di gestire le loro presenze sul web, navigando senza cadere nelle trappole di chi utilizza questo sistema per perseguitare il prossimo. Abbiamo il dovere, come istituzione di intervenire con maggiore forza e maggiore determinazione in questa materia. Purtroppo i numerosissimi casi di cronaca, accaduti recentemente nella nostra regione, ci restituiscono un quadro adolescenziale molto preoccupante” – ha dichiarato Emiliano.

“I fenomeni di bullismo, a scuola e non solo, di cyber bullismo e di adescamento online necessitano costantemente di azioni di prevenzione e di sensibilizzazione, condivise con il mondo della scuola e quello della famiglia. Solamente tutti insieme, anche con le autorità preposte e con la professionalità dei medici, possiamo cercare di sconfiggere l’altra faccia oscura della rete. E poi dobbiamo imparare ad ascoltare, a percepire qualsiasi cambiamento nei nostri ragazzi – conclude il governatore.

‘Teen explorer’ è una iniziativa del servizio di Psicologia-Progetto Giada dell’ospedale pediatrico Giovanni XXIII di Bari, realizzata nell’ambito dell’intesa sottoscritto dall’assessorato alla Salute della Regione Puglia e dall’Ufficio scolastico regionale, in collaborazione con i Gruppi interdisciplinari aziendali delle Asl regionali.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

La Puglia chiede misure straordinarie per la Xylella

Articolo successivo

Imprenditore 4.0, a Foggia il laboratorio di autoimprenditorialità