Home»Eventi»Presentato il programma di Terrarancia, l’evento che racconta il ‘buono’ e il ‘bello’ del territorio

Presentato il programma di Terrarancia, l’evento che racconta il ‘buono’ e il ‘bello’ del territorio

Dal 16 al 18 febbraio 2018 a Vico del Gargano (Fg)

Vico del Gargano, 27 gennaio 2018 – Valorizzare e destagionalizzare i flussi turistici a Vico del Gargano. Questo è uno degli obiettivi di Terrarancia, l’evento che racconta storia, tradizioni e tipicità del paese dell’amore, presentato il 26 gennaio durante un aperitivo con la stampa ospitato dal ristorante Al Primo Piano di Foggia.
Dal 16 al 18 febbraio la cittadina garganica, già contraddistinta dalla bandiera arancione – è uno dei Borghi più Belli d’Italia – si vestirà a festa per celebrare San Valentino.
“Quest’anno festeggiamo i 400 anni del nostro patrono che fu scelto dai vichesi nel 1618 in sostituzione di San Norberto. Da noi San Valentino prima di essere il protettore degli innamorati è il protettore delle arance, vera ricchezza di questa terra”, ha dichiarato Michele Sementinosindaco di Vico del Gargano.
Terrarancia è un evento che lega turismo, enogastronomia e cultura ruotando intorno ad un importante appuntamento religioso, che è appunto San Valentino.
“Il Gargano è famoso per l’enogastronomia, abbiamo chef degni di nota che si sono affermati e hanno portato in giro per l’Italia i nostri prodotti tipici. Terrarancia lega l’aspetto enogastronomico a quello religioso. Con questo evento abbiamo voluto regalare alla nostra cittadinanza e al Gargano una manifestazione degna del nostro Santo patrono”, ha spiegato l’assessore alla Cultura Raffaele Sciscio.
Ad essere protagonista dell’evento sarà proprio la cittadinanza, come traspare anche dal video promozionale, realizzato da WildRatFilm, che racconta tradizioni, storia e riti di Vico del Gargano. “I nostri eventi partono sempre dal coinvolgimento degli abitanti – ha affermato Ester Fracasso, organizzatrice insieme a Maria Pia Liguori di Terrarancia – perché crediamo che se loro hanno consapevolezza del luogo in cui vivono sanno anche comunicarlo. Ed è per questo che abbiamo coinvolto produttori, artigiani, associazioni e scuole del posto”.
“Nel nostro modo di operare c’è una contaminazione reciproca con il territorio“, ha continuato Maria Pia Liguori che ha aggiunto: “i ragazzi che verranno coinvolti rientrano nell’alternanza scuola-lavoro e partecipano alla programmazione e alla realizzazione dell’evento”.
Terrarancia va a riscoprire quanto di vero e autentico c’è a Vico del Gargano, come racconta il video che cattura non solo le bellezze del posto ma anche le mani sapienti degli artigiani capaci di creare manufatti preziosi.
Ad esaltare il ‘bello’ e il ‘buono’ di Vico del Gargano sarà non solo un Convegno a tema – che vede la partecipazione di Alfredo RicucciPresidente Consorzio Gargano Agrumi, Fabio Renzi Segretario Generale Fondazione Symbola, Claudio Costanzucci Paolino Vice Presidente dell’Ente Parco Nazionale del Gargano, Leo Di Gioia Assessore all’Agricoltura Regione Puglia e dell’onorevole Colomba Mongiello – ma anche i Laboratori del Gusto, spalmati nell’arco dei tre giorni e tenuti da famosi chef del territorio come Nicola Russo, Leonardo Vescera, Domenico Cilenti, Nazario Biscotti e Peppe Zullo, che declineranno una serie di pietanze utilizzando l’arancia.
“La provincia di Foggia è il territorio con la più grande biodiversità del nostro Paese, ha spiegato Nazario Biscotti durante la presentazione dell’evento, mai come in questo momento dobbiamo aiutare i piccoli produttori che stanno scomparendo”. A sposare questo pensiero anche Peppe Zullo che ha citato l’anguilla di Lesina, la fava bianca di Carpino e le arance di Vico del Gargano tra i prodotti che vanno valorizzati.
A Terrarancia sarà presente anche la ‘Birra bianca del Gargano‘ realizzata da Vincenzo Ottaviano de Il Trabucco da Mimì, una birra aromatizzata alle arance che rappresenta l’essenza del territorio, grazie anche all’aggiunta dei fiori d’arancio.
Dal 16 al 18 febbraio Vico del Gargano attende turisti e visitatori affamati di sapere e conoscenza. Un villaggio gastronomico con artigiani, produttori e cibi di strada sarà allestito nelle piazze e nei palazzi della città. Ci saranno laboratori dedicati ai bambini con letture animate e ‘merende all’arancia’, per far riscoprire anche ai più piccoli il ‘buono’ e il ‘bello’.
La musica invaderà i vicoli con ‘Il Duo Novembre e le ragazze’ – dove le ragazze sono signore che vanno dai 70 agli oltre 80 anni – e con gli allievi del Liceo ‘P. Virgilio Marone’.
Le donne e le ragazze dell’Associazione ‘Auser nuova vita’ allestiranno il centro storico con oggetti di arredo urbano realizzati all’uncinettocon buste colorate riciclate.
Alessio Giannone, alias Pinuccio di Striscia la notizia, presenterà il suo libro ‘TrumpAdvisor‘ che racconta la Puglia partendo proprio dal Gargano, mentre Marco Lepore e Isabella Ferrante riempiranno gli occhi di colore con la mostra a fumetti dal titolo ‘Color d’arancio, color d’amore’.
Terrarancia si concluderà con il ‘Premio San Valentino 2018‘, iniziativa volta a dare un riconoscimento a ‘Il Bello e il Buono della nostra Terra’.
Durante i tre giorni sarà inoltre possibile: prenotare visite guidate ai siti di interesse culturale di Vico del Gargano (info 0884.994666 o 324.8820065) e visitare la mostra fotografica “Vico, il Paese dell’Amore” a cura di Potito Gasparrini (presso il Palazzo della Bella).
Terrarancia è un evento organizzato da Regione Puglia, Assessorato all’Agricoltura della Regione Puglia, Parco Nazionale del Gargano, Comune di Vico del Gargano, in collaborazione con Di terra di mare e RedHot, con il patrocinio di Symbola e Puglia Promozione.

Si ringraziano i produttori – Mio Padre è un Albero, Leonardo Pallotta, Azienda agricola Turso, Azienda Fiore, Salumi Salcuno e Cose buone del Gargano di Fausta Munno – che hanno offerto le loro eccellenze durante l’aperitivo con la stampa e che saranno presenti all’evento.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Nasce in Puglia il "MuSMeS", il museo di storia della medicina

Articolo successivo

Il Venezia prova a chiudere per Gerbo. Stroppa si oppone alla cessione