Home»Eventi»A pranzo con: “Libera contro le mafie”

A pranzo con: “Libera contro le mafie”

Il 2 aprile “Ti p-Orto in Puglia” (Strada Statale 89) promuove un evento culinario in collaborazione con l’associazione “Libera contro le mafie”. Saranno preparati piatti tipici utilizzando i prodotti acquistati da “Libera Terra” e dalla Cooperativa Sociale “Pietra di Scarto” di Cerignola, gestita da Pietro Fragasso, che opera sui terreni confiscati alle mafie.

Lo scorso 21 marzo, a Locri e in contemporanea in 4000 luoghi in tutta Italia, si è svolta la XXII Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, promossa da Libera e Avviso Pubblico, in collaborazione con la Rai Responsabilità Sociale, Conferenza Episcopale Calabra e con il patrocinio del Comune di Locri e sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. Il tema della giornata, “Luoghi di speranza e testimoni di bellezza”, richiama proprio l’importanza di saldare la cura dell’ambiente e dei territori con l’impegno per la dignità e la libertà delle persone, esercitando al contempo la nostra responsabilità di persone, di cittadini, di abitanti (ospiti e custodi) della Terra.

E’ questo lo spirito che ha mosso l’evento in programma per sostenere “Libera contro le mafie”. La giornata ha lo scopo di stare insieme e conoscere la realtà dell’associazione, ma anche di promuovere una iniziativa editoriale italiana molto importante: Narcomafie. Un mensile di informazione, analisi e documentazione del Gruppo Abele cui collaborano giornalisti, docenti universitari, magistrati, centri di documentazione italiani e stranieri, gruppi e associazioni del privato sociale. La rivista è stata fondata nel febbraio del 1993, dopo le stragi di Capaci e di via D’Amelio in cui vennero uccisi i giudici Falcone e Borsellino. Da allora Narcomafie ha documentato l’aggressione della criminalità organizzata allo Stato, gli interessi legati ai traffici illeciti, le conseguenze della politica corrotta, il mancato rispetto dei diritti umani e la reazione della società civile. Durante la giornata del 2 aprile verrà presentato “Racconti di mafie”, numero monografico di Narcomafie, che rappresenta un tentativo di portare un contributo nuovo al racconto delle mafie, fornendo un approccio nuovo alla loro comprensione. A presentarlo ci saranno Piero Ferrante e Umberto Romaniello, due foggiani rispettivamente redattore della rivista e illustratore.

Ma l’operato di Ti p-Orto in Puglia è quotidiano e ricco d’idee. Ti P-Orto in Puglia non è un evento. E’ un’esperienza in cui la parola d ‘ordine è socializzare. Un ristorante? Una pizzeria? Una trattoria? No. Allora cos’è? E’ una casa, con una famiglia che ospita amici. Un luogo tranquillo e rilassato dove poter trascorrere una piacevole giornata all’aria aperta o accanto al camino, lontano dallo stress cittadino. Un luogo in cui non sono ammessi orologi e l’unico timer è quello della cuoca. Un luogo in cui il cibo è più gustoso perché in gran parte proviene dall’orto. Ci si può intrattenere nella sala giochi o semplicemente rilassarsi sul dondolo e i bambini potranno giocare liberi perché non ci sono pericoli e tutto è recintato e sicuro. Il menù prevede piatti semplici della nostra tradizione per tutti i gusti (carnivori, vegetariani, celiaci e vegani). Non resta che provare, per credere!

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Incidente stradale alla periferia di Candela, morto 88enne

Articolo successivo

Zamparini presenta richiesta per costruire accanto a GrandApulia