Home»Eventi»Tra stelle e bollicine a Poggio di Poggio di Luna

Tra stelle e bollicine a Poggio di Poggio di Luna

A Poggio di Luna, nella splendida Peschici, lo champagne "Encry" incontra per la prima volta i sapori del nostro Gargano

A Poggio di Luna, lo champagne “Encry” incontra i sapori del Gargano

È entrata nel vivo la stagione estiva a Poggio di Luna, il Relais enogastronomico a pochi chilometri da Peschici, immerso nel cuore del Parco Nazionale del Gargano, che quest’anno si presenta ai suoi ospiti con una veste nuova, originale ed elegante.

Poggio di Luna Dinner è il progetto lanciato da Catia Sciotti, che ha studiato in ogni dettaglio eventi tematici capaci di esaltare le ricchezze e le professionalità del territorio per proporre ad appassionati di vino, birrofili, turisti e abitanti del territorio, un’esperienza davvero unica da vivere sul Gargano.

Dopo il successo di “Paella Party” e “Dinner Beer Degustation” – che hanno visto protagonisti rispettivamente i piatti spagnoli preparati dal talentuoso chef Victor Ferreira Martínez con i vini di Cotinone Vigneti, e abbinamenti ricercati fra le creazioni dello chef catalano e le birre Rebeers del biersommelier e mastro birraio Michele Solimando – arriva una serata molto particolare.

Venerdì 13 luglio, a partire dalle 21, Poggio di Luna ospiterà “Tra Stelle e Bollicine“, evento che accenderà i riflettori sullo Champagne “Encry”. Ospite d’onore della serata sarà Enrico Baldin – patron della Maison (il cui nome nasce dall’unione del soprannome di Enrico “Enry” e la lettere “C” di Champagne) che ha sede a Le Mesnil sur Orger nel cuore della Côte de Blancs – un italiano che ha conquistato legittimamente il suo spazio nel mondo delle bollicine. La storia di “Encry” è unica, nata dalla visione onirica che Enrico – da sempre appassionato di champagne, anche se la sua vita professionale si svolge nel campo dell’ingegneria naturalistica e del ripristino ambientale – ha avuto insieme alla compagna di vita Nadia.

Ad accomunare Enrico Baldin, che sarà per la prima volta in Puglia, e Catia Sciotti sono la tenacia, la capacità di progettarel’attenzione ai particolari e alla qualità.

Tra Stelle E Bollicine A Poggio Di Luna
Tra Stelle E Bollicine A Poggio Di Luna

Quella del 13 luglio sarà una serata di eccellenze che vedrà l’incontro tra le specialità del territorio e lo Champagne “Encry”. I formaggi freschi dell’azienda agricola Laprocina Gaetano di Vieste saranno abbinati allo champagne Zèro Dosage Blanc de Blancs (100% Chardonnay). Durante la serata il mastro casaro lavorerà alla produzione dal vivo delle sue mozzarelle, che i presenti potranno gustare calde. Ad affiancare i formaggi saranno diverse tipologie di pane e focacce preparate con farine speciali dallo chef di Poggio di Luna.

Seguirà il “Dolce non dolce” composto da crema di robiola, semolino, lime, mousse al cioccolato bianco, crumble all’olio d’oliva e gelato all’Ogliarola garganica (fatto con olive e olio provenienti dall’orto di Poggio di Luna, rigorosamente curato da Giovanni, papà di Catia) abbinato allo Champagne Brut (100% Chardonnay) Gran Cru Grande Cuvèe Blanc de Blancs.

La serata si svolgerà a bordo piscina, sotto il cielo stellato e la luna che sempre illumina il poggio, e sarà allietata dalla band Soul Stream con la voce suadente di Miriam Stranieri e con Antonio Aucello (sax), Gerry Ruotolo (tastiera) e Antonio Cicoria (batteria), veri professionisti del jazz a cui uniscono sapientemente soul, rithm&blues e pop.

«L’idea di questa serata nasce dall’incontro con Enrico Baldin, che risale a un paio di anni fa – racconta Catia con entusiasmo – Eravamo in Toscana, in un locale meraviglioso dove si svolgeva una serata degustazione di “Encry” in abbinamento al sigaro “Maledetto toscano”. Da allora non ho mai smesso di seguire a distanza il loro lavoro, e quando ho parlato ad Enrico del mio progetto Poggio di Luna Dinner e della voglia di organizzare un evento insieme qui, sul Gargano, lui ha immediatamente accettato la sfida!».

0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

A Cerignola arriva la prima oasi senza gabbie

Articolo successivo

ALMA: tra i neodiplomati della scuola di cucina, due foggiani

Nessun commento

Lascia un commento