Home»Cultura e territorio»Masserie in Tour, sulle vie dei tratturi

Masserie in Tour, sulle vie dei tratturi

Itinerario cicloturistico esperienziale nell’area suburbana di Foggia e nella Valle del Cervaro

“Masserie in Tour, sulle vie dei tratturi” è il progetto di cicloturismo esperienziale presentato da
Archeologica srl nell’ambito dell’avviso pubblico lanciato da Pugliapromozione InPuglia365
Estate- Programma operativo Regionale FESR-FSE 2014 – 2020 “Attrattori culturali, naturali e
turismo” Asse VI – Tutela dell’ambiente e promozione delle risorse naturali e culturali – Azione
6.8 Interventi per il riposizionamento competitivo delle destinazioni turistiche CUP:
B39D17004890009.

Il progetto offre la possibilità di visitare gratuitamente alcune tra le più belle masserie fortificate,
architetture nascoste e poco note dell’entroterra Daunio. Viaggiare in bicicletta con la macchina
fotografica al collo, assaporare i profumi di questo territorio, rallentare i ritmi per godersi le
molteplici bellezze architettoniche e paesaggistiche che questo territorio ha da offrire: questi gli
intenti del progetto.

Primo appuntamento per il weekend del 23 – 24 settembre e a seguire il 30 settembre – 1 ottobre
con un percorso cicloturistico attraverso gli antichi tratturi della transumanza, tratturelli brecciosi,
strade comunali ed interpoderali; itinerari di visita guidata a contatto diretto con la natura, presso
alcune delle masserie più belle del territorio; attività laboratoriali di pratica con i mastri casari,
a testimonianza dell’antica tradizione della transumanza; degustazione di prodotti tipici e pic-nic
conviviale al termine.
Il contesto di riferimento è l’area extraurbana e rurale della città di Foggia.
Attraverso due itinerari da 8 km e 30 km, andremo alla scoperta rispettivamente del “quadrone
delle vigne” e della “valle del Celone”. Caratterizzate entrambe da una componente rurale
dominante, i due percorsi presentano caratteristiche diverse.
Nascoste tra filari di vigneti, uliveti secolari e tratturi spiccano le vigne, architetture di valore
storico edificate dalle famiglie nobiliari foggiane per esigenze residenziali ed agricole legate
soprattutto alla produzione di olio e vino. Queste costruzioni, molto spesso risultano sconosciute e
difficili da raggiungere.
Il percorso più lungo invece toccherà le masserie fortificate, costruzioni dal fascino surreale,
testimonianze di un contesto geografico da millenni fortemente caratterizzato dall’attività agricola e
pastorale. Il territorio offre ancora la possibilità di visitare gran parte di questi manufatti,
usufruendo del sistema tratturale che per anni ha contraddistinto queste aree, attraverso il “rito”
della transumanza che dalle regioni montuose dell’Abruzzo e del Molise mobilitava greggi e pastori
portandoli in Puglia. Tali direttrici lente e polverose hanno mutato il loro ritmo, il loro spazio e la
loro funzione ed ormai risultano poco visibili, ma le masserie di posta posizionate in corrispondenza
di questi tratturi, un tempo punto di ristoro per greggi e pastori transumanti, restano ancora ferme
nel tempo, in attesa di essere riscoperte e fruite dal visitatore.
In linea con il piano strategico del turismo Puglia 365, che punta all’internazionalizzazione ed
alla destagionalizzazione del turismo Regionale, e con il piano strategico regionale della Cultura,
questo viaggio itinerante dà la possibilità al fruitore di percorrere in bicicletta antichi tratturi,
rilassarsi ed assaporare la cucina tradizionale in agriturismi che hanno saputo preservare con
accuratezza l’antico fascino di questi luoghi.
“Masserie in tour” vuole far conoscere un territorio ricco di bellezze paesaggistiche ed
architettoniche attraverso un occhio diverso. L’intento è quello di estendere la conoscenza e la
valorizzazione verso luoghi e contesti meno conosciuti, l’area suburbana di Foggia e il territorio
della Valle del Celone, spesso attraversati da occhi distratti ed inconsapevoli, coinvolgendo il flusso
turistico legato al mondo slow e richiamando l’attenzione degli appassionati di cicloturismo, di
fotografia ed enogastronomia.
Il percorso cicloturistico esperienziale partirà dal Palazzo della Dogana delle pecore, nel centro
storico di Foggia, con due percorsi in bici di 8 km e 30 km circa, guidato da esperti.
Il primo tragitto attraverserà il cosiddetto “quadrone delle vigne”. Impostato sulle tracce di antichi
tratturi, toccherà diverse vigne, architetture di importanza storico-architettonica. Tra queste si
visiteranno Villa Mandara, Vigna Rosati e Vigna Pedone, Vigna de Stasio e Vigna Martucci,
prevedendo durante il percorso una sosta a Vigna Quadra, antica struttura che ospiterà i fruitori per
un piccolo rinfresco.
Durante il secondo tragitto verranno visitate le masserie fortificate, “Masseria Pavoni”, “Masseria
Posta di Torrebianca”, ed infine “Masseria Santa Cecilia”. Nello specifico, nella “Masseria
Pavoni” l’utente potrà assistere e partecipare attivamente alla produzione di prodotti caseari,
attraverso la sapiente guida del mastro casaro, la cui famiglia è giunta in Puglia ad inizio novecento
dal Molise. Verrà spiegata la storia di questo fenomeno, le curiosità e le esperienze che questa gente
proveniente dall’appennino viveva nei mesi di transumanza. Ai partecipanti inoltre verrà
consegnato un sacchetto con cibi da consumare in un pic-nic conviviale che avverrà, nella splendida
cornice di Masseria Posta di Torrebianca, masseria sapientemente restaurata, nella quale l’utente
potrà non solo riposarsi ma potrà degustare i prodotti caseari ma anche i piatti tradizionali preparati
dalla struttura ricettiva.

Ecco il calendario dettagliato delle attività:

Sabato 23 settembre, ore 9:30
percorso da 8 km nel Quadrone delle vigne: Villa Mandara, Vigna Rosati e Vigna Pedone, Vigna
de Stasio e Vigna Martucci; durante il percorso sosta a Vigna Quadra, antica struttura che ospiterà
i fruitori per un piccolo rinfresco.
Domenica 24 settembre, ore 9:30
percorso da 30 km sul percorso delle masserie fortificate: “Masseria Pavoni” (con laboratorio
esperienziale sulla produzione di prodotti caseari), “Masseria Posta di Torrebianca”, ed infine
“Masseria Santa Cecilia”.
Sabato 30 settembre, ore 9:30
percorso da 30 km sul percorso delle masserie fortificate: “Masseria Pavoni” (con laboratorio
esperienziale sulla produzione di prodotti caseari), “Masseria Posta di Torrebianca”, ed infine
“Masseria Santa Cecilia”.
Domenica 1 ottobre, ore 9:30
percorso da 8 km nel Quadrone delle vigne: Villa Mandara, Vigna Rosati e Vigna Pedone, Vigna
de Stasio e Vigna Martucci; durante il percorso sosta a Vigna Quadra, antica struttura che ospiterà
i fruitori per un piccolo rinfresco.
Entrambi i tragitti prevedono brevi tratti di sterrato.
Le attività sono gratuite, previa prenotazione presso il Call- center dedicato, aperte ad un numero
massimo di 15 partecipanti per percorso.
Il percorso cicloturistico è rivolto a diverse tipologie di utenti, appassionati di fotografia, di natura,
di architettura, uniti tutti dalla passione per i pedali, muniti di bici propria ( sono escluse le bici da
corsa ) e di idoneo equipaggiamento di sicurezza (casco, catarifrangenti, protezioni, ecc.)
Per informazioni e adesioni:
Call center 3929892331
attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 11.00 alle 13.00 e dalle 18.00 alle 20.00
sabato mattina dalle 10.00 alle 13.00
Email archeologicasrl@gmail.com
FACEBOOK: ArcheoLogica srl
TWITTER: ArcheoLogica
INSTAGRAM: archeologica

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Daunia Comics & Games, a Foggia il week-end del fumetto

Articolo successivo

‘Le Scemette’ chiudono la rassegna GranCabaret GrandApulia