Home»Eventi»“La colonia saracena di Lucera e la sua distruzione”: la nuova edizione presentata a Lucera

“La colonia saracena di Lucera e la sua distruzione”: la nuova edizione presentata a Lucera

Torna in libreria "La colonia saracena di Lucera e la sua distruzione", storico trattato di Pietro Egidi. La nuova edizione sarà presentata a Lucera.

Venerdì 18 dicembre, alle 19, al Circolo Unione di Lucera è in programma un evento imperdibile per studiosi e appassionati di storia: sarà infatti presentata la nuova edizione de La colonia saracena di Lucera e la sua distruzione, libro di Pietro Egidi, ormai irreperibile da molti anni. Saranno presenti all’incontro il dottor Giuseppe Trincucci, che ha curato la trascrizione filologica e ampliato l’opera con una vasta introduzione, e il professor Pasquale Corsi, ordinario di Storia Medioevale dell’Università di Bari e presidente della Società di Storia Patria per la Puglia, che ha curato la prefazione del libro.

La prima edizione dell’opera di Egidi risale esattamente a cento anni fa ed era stata pubblicata a puntate sull’Archivio Storico per le Province Napoletane. Il libro racconta la storia della distruzione della colonia saracena di Lucera nel periodo di dominazione dei saraceni, trasferiti nella città nel 1223, evidenziandone l’importanza acquisita nella storia economica del meridione (i suoi abitanti erano maestri di arti e di mestieri) e il forte legame venutosi con il Medio Oriente.

“Al contrario di quanto accade oggi – dichiara il dott. Trincucci -, all’epoca si registrarono segni di intolleranza dei cristiani nei confronti degli arabi”. E come dimostra Egidi, le cause della distruzione non furono di natura religiosa, bensì motivate da interessi economici e materiali.

La presentazione della nuova edizione de La colonia saracena di Lucera e la sua distruzione si terrà nel Salone di rappresentanza del Circolo Unione di Lucera (in piazza Duomo). L’ingresso è libero.

 

0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Onofrio Giuliano nuovo componente di Giunta della Camera di Commercio di Foggia

Articolo successivo

Furti di cavi di rame a Foggia, città al buio

Nessun commento

Lascia un commento