Home»Eventi»A Cerignola il “Festival delle nuove economie e dei nuovi lavori”

A Cerignola il “Festival delle nuove economie e dei nuovi lavori”

Venerdì 18 dicembre, alle 20, appuntamento a Cerignola con la prima edizione del “Festival delle nuove economie e dei nuovi lavori”.

Venerdì 18 dicembre, alle 20, appuntamento a Cerignola con la prima edizione del “Festival delle nuove economie e dei nuovi lavori”. La manifestazione sarà ospitata a Palazzo Coccia fino a domenica 20 dicembre: è organizzata dalle associazioni RESURB, Donne in Rete, 8 Marzo e i 5 Reali Siti, e si occuperà di gettare luce su chi lavora nel campo delle “nuove economie”.

“Green economy”, “sharing economy”, “bikeconomics”, “blue economy”, “agricoltura sociale”: sono termini che indicano una sempre maggiore sensibilità dei consumatori verso nuovi modelli di produzione a loro volta fonte di nuove professioni. E’, l’economia circolare, un modello che pone al centro la sostenibilità del sistema, in cui non ci sono prodotti di scarto e le merci vengono costantemente riutilizzate.

Educare a queste nuove forme di economia è il principale obiettivo del “Festival delle nuove economie e dei nuovi lavori”, attraverso l’esposizione dei migliori prodotti e delle migliori imprese nel campo delle nuove economie (per tutto il Festival) e attraverso il “catering delle esperienze” (tutta la giornata di sabato 19), in cui gli operatori avranno la possibilità di raccontare la loro esperienza imprenditoriale e il senso del proprio lavoro.

“Festival delle nuove economie e dei nuovi lavori”: gli ospiti

A conclusione del Festival, domenica mattina alle 10, l’incontro con tanti importanti ospiti per parlare di nuove economie e Sud. Interverranno l’eurodeputato Elena Gentile, Piero D’Argento (esperto in programmazione sociale e sharing economy), la prof.ssa di Sociologia generale dell’Università di Foggia Fiammetta Fanizza, il presidente di Confindustria BAT Sergio Fontana, l’esperta di sviluppo sostenibile Miriam Spalatro, l’ex rettore dell’Università di Foggia e presidente del Consiglio Superiore per i Beni culturali e paesaggistici del MiBACT Giuliano Volpe, l’economista Gianfranco Viesti, il fondatore di Blackshape Angelo Petrosillo e l’esperta in crowdfunding Marcella Loporchio.

“Economia circolare” vuol dire anche design, nuove forme di esperienza artistica e un nuovo senso estetico che nasce dal riuso dei materiali. A fare da cornice al “Festival delle nuove economie e dei nuovi lavori” ci saranno le istallazioni degli artisti Mario Milano, Domenico Carella, Paolo Lops, Mosè La Cava, Luigi Sardella, Vincenzo Mascitti, Maria Rosaia Divito e Potito Casparrini, e i lavori del Liceo Artistico Perugini di Foggia, prodotti con materiali di scarto.

I lavori del Festival potranno essere seguiti su Facebook, alla pagina “Festival delle nuove Economie e dei Nuovi Lavori”, e su Twitter, all’account Festival Economia C (hashtag: #FNEL2015).

 

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Foggia - Cosenza, autobus danneggiato. I rossoblù: "Colpa dei foggiani"

Articolo successivo

L'orgoglio del Made in Capitanata nel convegno "MovimentiAmo la salute & AlimentiAmo il benessere"