Home»Eventi»Cagnano, domani si inaugura il Centro Antiviolenza ‘Antonietta Caruso’

Cagnano, domani si inaugura il Centro Antiviolenza ‘Antonietta Caruso’

Prevenzione e tutela delle vittime ma anche sostegno per uscire dalla situazione di violenza al centro Gestito dall’Ambito di Vico del Gargano.

CAGNANO VARANO. Domani 22 ottobre 2016 alle 17.30 verrà inaugurato e attivato presso il Comune di Cagnano Varano, il Centro Antiviolenza Antonietta Caruso che sarà gestito dall’Ambito territoriale di Vico del Gargano.

Antonietta Caruso, nata a Peschici, era una ragazza di soli 23 anni uccisa nel dicembre del 1965 dal suo “fidanzato” e padre del bambino, posta in un sacco e gettata in mare dalla nota rupe di Peschici.

Il Centro Antiviolenza Antonietta Caruso realizzerà attività di sensibilizzazione, prevenzione e formazione sulla violenza per promuovere una cultura non violenta ed attività per garantire alle vittime di violenza, in particolare donne sole o con minori, interventi di prevenzione, protezione, tutela e trattamento per accompagnarle nel percorso di fuoriuscita dalle situazioni di violenza.

Le attività sono realizzate in collaborazione con l’associazione Giraffah! Onlus corrente in Bari, l’associazione Impegno Donna corrente in Foggia e la Coop. Cantieri di Innovazione Sociale corrente in San Marco in Lamis. Le attività saranno inoltre realizzate in collaborazione con varie istituzioni ed enti del privato sociale, partner dell’omonimo programma antiviolenza, quali: Consigliera di Parità e Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza della Regione Puglia, Azienda Sanitaria Locale Distretto Vico, Casa Rifugio “Donne Libere”, Coop. Soc. F. Aporti s.r.l., il Centro per l’Impiego e l’associazione Donne in rete di Foggia.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Rionero, arrestate 18 persone provenienti da Foggia per furto di castagne

Articolo successivo

“Mulier Capitanate”: com’era la donna della Capitanata quando vestiva “alla sveva”