Home»Cultura e territorio»Sorgerà in Puglia il primo spazioporto italiano

Sorgerà in Puglia il primo spazioporto italiano

Turismo spaziale, sorgerà a Taranto-Grottaglie il primo spazioporto italiano. Stretto accordo tra Altec (azienda partecipata da Asi e Thales Alenia space) e Virgin Galactic. L'Ad di Altec, Vincenzo Giorgio: "Puntiamo ad avere un velivolo italiano e creare un polo di ricerca"

Turismo spaziale, sorgerà a Taranto-Grottaglie il primo spazioporto italiano. Stretto accordo tra Altec (azienda partecipata da Asi e Thales Alenia space) e Virgin Galactic. L’Ad di Altec, Vincenzo Giorgio: “Puntiamo ad avere un velivolo italiano e creare un polo di ricerca”

Il primo “gate” italiano verso lo spazio sorgerà nella zona di Taranto-Grottaglie, dove ora vi è l’aeroporto “Marcello Arlotta” ed è da qui che decolleranno i turisti spaziali della Virgin Galactic: lo ha comunicato il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti dopo l’approvazione dell’Enac (l’Ente Nazionale Aviazione Civile) che ha portato a termine l’iter di analisi per trovare il sito più adatto. L’inaugurazione dello spazioporto è prevista per il 2020, quando il velivolo della Virgin Galactic decollerà dall’Italia per lo spazio.

La notizia si faceva attendere da circa un anno e mezzo, dal momento in cui quando la Altec (azienda partecipata da Asi e Thales Alenia space) ha stretto un accordo con la Virgin Galactic di Richard Branson per realizzare uno spazioporto sulla nostra penisola da cui partiranno i voli suborbitali: la nuova infrastruttura inoltre potrebbe essere la via di accesso allo spazio anche per altri tipi di attività, al di là del turismo, come il lancio di piccoli satelliti, addestramento degli astronauti e test per nuove tecnologie.

Come un aereo di linea ma diretto nello spazio

Chi spera di vedere in Puglia le imponenti strutture come quella di Cape Canaveral resterà deluso. Nulla a che vedere con le basi spaziali come quelle americane o russe, nessun decollo in verticale, nessun “countdown”. Il decollo avverrà in modo convenzionale (CTOL), nello stesso modo degli aerei di linea: tradizionale pista, classica rincorsa e tanta velocità. “Altec e Asi hanno lavorato insieme a Enac per definire i criteri di selezione tra tutti gli aeroporti nazionali che vanno dalla lunghezza della pista alle aree di interdizione al volo, fino alla presenza di altri aeroporti in vicinanza della fase di atterraggio. Quello di Grottaglie rientra tra quelli che soddisfano questi criteri per il volo suborbitale e ora è arrivata la decisione di Enac” – spiega Vincenzo Giorgio, amministratore delegato di Altec.

La struttura di Taranto-Grottaglie sarà modificata, verranno aggiunti hangar e spazi per le nuove attività tecniche e scientifiche con servizi annessi per i voli di lusso tra le stelle. Interventi che avranno tempi contenuti per l’inizio dei voli da quello che sarà probabilmente l’unico altro spazioporto di Virgin Galactic al di fuori degli USA: “Attendiamo che la compagnia di Branson inizi a essere operativa forse già entro la fine del 2018. Il nostro spazioporto potrebbe entrare in attività già dal 2020”.
Branson presenta la nuova navetta per turisti spaziali” – aggiunge Vincenzo Giorgio.

Navicella Virgin
Il momento in cui la navicella Virgin accende i razzi per raggiungere i 100 km di quota. Crediti: m.static.newsvine.com

Fino a sei passeggeri al costo di 250.000 dollari a testa

La Virgin sta ancora testando il suo “shuttle panoramico” che viene portato in orbita mediante una “nave madre” chiamata “Space Knight Two” che decollerà fino a un’altezza di circa 15 chilometri: raggiunta tale quota viene sganciata la “Spaceship Two”,un piccolo razzo che può portare a bordo fino a otto persone (sei passeggeri e due piloti), per raggiungere lo spazio alla notevole quota di 100 chilometri: si parla di spazio infatti a partire da 80 km di quota.

Il costo del biglietto si aggira intorno ai 250.000 dollari a persona (circa 210.000 euro) e si potrà svolazzare nella cabina durante i sei minuti di microgravità proprio come un astronauta. Un’esperienza che durerà in totale un’ora e 40 minuti dal decollo al rientro, e si potrà ammirare la Terra quasi come la vedono gli astronauti sulla Stazione Spaziale (che si trova a ben 400 km di quota). La Spaceship Two poi tornerà indietro, il volo suborbitale si concluderà prima di aver compiuto un’orbita intera planando senza motore, come un aliante, per atterrare da dove era partita.

In attesa di una norma che regolarizzi il tutto

L’azienda americana non pagherà un affitto per l’uso dello spazioporto dal momento che l’obiettivo è un altro: “Stiamo valutando diversi modelli di business uno dei quali prevede una società mista di cui faranno parte aziende e istituzioni italiane, come Asi e Altec per esempio, partecipata anche da Virgin Galactic. Una specie di transizione per acquisire il velivolo che decolla dall’Italia e far sì che diventi una realtà più europea e italiana. E magari abbassare un po’ i prezzi” – spiega Vincenzo Giorgio.

Manca però una copertura legale: in Italia infatti non c’è una legislazione per regolamentare lo spazio aereo oltre la quota ordinaria dei voli di linea. Le traiettorie suborbitali sono quindi fuori legge. Da qui i lavoro di Enac insieme alla Federal Aviation Administration americana per mettere a punto normative ispirate a quelle statunitensi.

Virgin Galactic
Virgin Galactic, crediti: images6.alphacoders.com

Un business stellare

Un business che darà vita ad una serie di attività economiche quali indotto industriale, dei servizi e del turismo, quelle scientifiche – a cominciare dall’addestramento degli astronauti – compresa la creazione di un polo di eccellenza. Una promettente visione futuristica per il mezzogiorno, l’industria spaziale infatti sta aprendo nuovi e redditizi segmenti di mercato.

“Potrà diventare un centro accumulazione di startup spaziali, piccole aziende, dove le università potranno avere laboratori e fare ricerca anche per nuovi attori che vorranno operare nello spazio. Ci sarà la possibilità di fare informazione per il pubblico e divulgazione per gli studenti. Sarà di ispirazione per i giovani, far provare ai bambini simulatori per l’addestramento, attirare i ragazzi e farli incontrare con i centri di ricerca per creare interesse e ispirare chi, in un futuro, potrebbe lavorare alla ricerca aerospaziale” – conclude Giorgio.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Pretende soldi dagli anziani genitori: arrestato a Cerignola Carbone Antonio

Articolo successivo

CIA Capitanata: "Grandine e bombe d'acqua: rivedere sistema assicurativo"