Home»Economia»Grandi numeri per l’Unifg

Grandi numeri per l’Unifg

Supera la 'quota 40' il Fondo di finanziamento ordinario assegnato dal MIUR all'UniFg

Supera la ‘quota 40’ il Fondo di finanziamento ordinario assegnato dal MIUR all’UniFg

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca scientifica (MIUR) ha provveduto all’assegnazione del Fondo di finanziamento ordinario (FFO), la ripartizione statistico-economica attraverso cui il dicastero assicura la principale fonte di sostentamento alle Università italiane. E quest’anno – per la prima volta dal riconoscimento dell’autonomia, avvenuta il 5 agosto 1999 – l’Università di Foggia ha “sfondato” il tetto dei 40 milioni di assegnazione. All’Università di Foggia sono stati assegnati 41.297.781,00 euro, ben 2.932.445,00 in più rispetto all’anno scorso.

«Un successo straordinario – ha commentato il Rettore, prof. Maurizio Ricci – che va oltre le nostre più rosee
aspettative. Non avevamo l’ambizione di stabilire nessun record, ma nutrivamo il desiderio di far valere scientificamente ed economicamente le ragioni del nostro operato, delle nostre scelte e delle nostre politiche».

Entrando nel dettaglio delle voci del FFO 2018, il capitolo relativo alla valorizzazione dell’autonomia responsabile degli Atenei è stato il più premiato dal MIUR facendo registrare uno stanziamento pari a 2.154.503,00 euro (con 701.258,00 di incremento rispetto al 2017). Notevole anche l’incremento indicato alla voce VQR (Valutazione della Qualità della Ricerca scientifica, effettuata dall’ANVUR), che grazie a uno stanziamento di 7.138.845,00 ha fatto registrare un aumento di 665.562,00 rispetto all’anno scorso. Da rivedere l’assegnazione della cd. Quota base (25.640.191,00) che invece evidenzia un decremento di 415.419,00 euro rispetto al FFO 2017. «Ma, in questo caso, quello con l’anno precedente non è un confronto omogeneo – spiega il delegato del Rettore alle Politiche di bilancio e al controllo di gestione, prof. Mauro Romano – essendo stati modificati, nel frattempo, i criteri di formazione di questo capitolo. Si tratta di un calo fittizio, in quanto il dato delle assegnazioni della Quota base di tutte le Università italiane è passato da 4,591 miliardi a 4,426 miliardi di euro, con un delta negativo del 3,594%. Ne deriva che tutte le assegnazioni della Quota base riconosciute con questa procedura, sono risultate inferiori rispetto a quelle dell’anno precedente. Per il resto, almeno a una prima analisi, questi dati paiono davvero straordinari sia per la loro entità sia per la loro efficacia».

In riferimento al FFO 2018, sempre il prof. Romano ricorda come il dato diventi addirittura entusiasmante se relazionato alle politiche finanziarie adottate dal MIUR negli ultimi anni. «L’Università di Foggia sfonda un tetto economico e storico, quello dei 40 milioni di FFO, che solo qualche anno fa sembrava irraggiungibile. Basti pensare che nel 2013 l’assegnazione è stata pari a 34.837.332 milioni di euro, a causa di una sensibile riduzione del FFO a livello nazionale (nell’ordine del 20%; NdR): un taglio che portò l’Università di Foggia a perdere circa 1,5 milioni nel biennio  2011-13. Non solo siamo tornati alle performance di oltre cinque anni fa, recuperando quasi 7 milioni di euro nonostante il taglio del FFO del 20% nello stesso periodo, ma le abbiamo notevolmente superate, il che è ancora
più importante proprio per la straordinarietà del risultato ottenuto».

Molto soddisfatto anche il Rettore, prof. Maurizio Ricci, che ripromettendosi di analizzare più analiticamente e nel dettaglio l’FFO 2018 ha commentato: «Il Ministero ha premiato le politiche strategiche e gestionali adottate. Questo è un Ateneo economicamente solido, che spende oculatamente e investe sempre di più nelle strutture, nei dipartimenti e nei servizi agli studenti. Questo lo dobbiamo anche alle scelte condivise con i direttori di Dipartimento, con il Senato accademico e con il Consiglio di amministrazione. Un sincero ringraziamento va al delegato alle Politiche di bilancio, prof. Mauro Romano, e per l’importante attività svolta, indicando le più opportune direttrici operative e strategiche, al Direttore generale dell’Università di Foggia, dott.ssa Teresa Romei».

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

San Michele, tra sacralità e musica

Articolo successivo

Il miglior porto turistico ce lo abbiamo noi