Home»Economia»GrandApulia, a dicembre l’apertura. Il WWF: «In treno e con mezzi pubblici al centro commerciale»

GrandApulia, a dicembre l’apertura. Il WWF: «In treno e con mezzi pubblici al centro commerciale»

Per il WWF, favorire il collegamento ferroviario e di mezzi pubblici con il Centro GrandApulia è fondamentale. Ecco le proposte avanzate dagli ambientalisti.

Procedono velocemente i lavori per il nuovo centro commerciale GrandApulia che si sta costruendo nell’area Sfir di Borgo Incoronata. L’apertura prevista è per novembre 2016. Si tratta di una grande struttura di vendita che contempla un parcheggio per oltre 4mila posti auto. Tale ipermercato si trova proprio in adiacenza alla ferrovia adriatica e alla stazione di Incoronata. In questa situazione, osserva il WWF Foggia, sarebbe insensato non prevedere un servizio ferroviario per raggiungerlo, da utilizzare in alternativa all’automobile. Già attualmente vi sono le corse regionali per Bari che fermano ad Incoronata, quello che non è noto è se il progetto preveda un facile accesso pedonale dalla stazione al centro commerciale.

Per il WWF, favorire il collegamento ferroviario e di mezzi pubblici con il Centro GrandApulia è fondamentale. Occorre, infatti, tener conto che il relativo elevato numero di auto avrà un notevole impatto sulla viabilità locale e sull’ambiente. Bisogna anche considerare che l’ipermercato sorge nelle immediate vicinanze del Parco Regionale Bosco Incoronata con conseguenze negative provocate dalle emissioni delle auto sull’ecosistema del bosco. Sulla base di queste considerazioni, il WWF ha chiesto al sindaco Franco Landella di Foggia e agli assessori della Regione Puglia Giovanni Giannini (Trasporti e lavori pubblici) e Anna Maria Curcuruto (Pianificazione territoriale), ognuno per le proprie competenze e responsabilità, di puntare da subito ad una mobilità sostenibile per l’accesso al nuovo centro commerciale, accogliendo una proposta che si articola nelle seguenti misure:

1) potenziare il servizio ferroviario da Foggia a Incoronata affiancando alle corse regionali di Trenitalia per Bari le corse sulla linea San Severo – Foggia di Ferrovie del Gargano che potrebbero quindi essere prolungate fino a Incoronata (in questo modo servendo anche tutto il Gargano); 2) favorire la circolazione all’interno della zona Area di Sviluppo Industriale Incoronata con l’istituzione di una circolare ATAF che serva esclusivamente l’area ASI, Borgo Incoronata e il Santuario (favorendo così anche il Parco regionale), con capolinea nella stazione ferroviaria e con orari in coincidenza con le corse dei treni; 3) istituire un biglietto unico tra Foggia e Incoronata valido per Trenitalia, Ferrovie del Gargano e ATAF. La proposta è stata resa nota anche alle Ferrovie del Gargano, Trenitalia e alla Società costruttrice del centro commerciale.

«Un esempio negativo di ciò che potrà accadere all’apertura del nuovo centro commerciale – ha dichiarato l’ing. Matteo Orsino, vice presidente del WWF Foggia – è dato dal centro commerciale nella zona industriale di Molfetta dove, soprattutto nelle ore di grande afflusso, si creano congestioni di traffico che provocano code anche sull’adiacente statale 16 bis. Infatti non si pensò di utilizzare l’adiacente ferrovia adriatica per favorire l’accesso all’area. In quel caso, però, era necessario realizzare una nuova fermata, mentre per l’ipermercato GrandApulia la stazione c’è già. Un esempio positivo dell’accesso ad un centro commerciale tramite il treno è invece dato dall’Ikea di Bari che promuove tale modalità in collaborazione con le Ferrovie Sud Est utilizzando la stazione di Mungivacca. Accogliendo la proposta del WWF Foggia si migliorerebbe l’accesso all’area e si ridurrebbero i tempi di percorrenza anche per le migliaia di lavoratori che quotidianamente devono raggiungere la zona ASI da Foggia e che attualmente dispongono solo di sporadiche corse ATAF».

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
5
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Da Rivera all'impresa sfiorata in Coppa Italia: dieci curiosità sull'Alessandria

Articolo successivo

La Regione approva ddl sul riordino funzioni delle Province