Home»Economia»Giocare in Borsa nel 2016: opportunità o inutile rischio?

Giocare in Borsa nel 2016: opportunità o inutile rischio?

Quella di giocare in Borsa è una delle attività che maggiormente ha avuto diffusione grazie al mondo di internet, capace di mettere a disposizione di tutti qualsiasi bene finanziario soggetto a quotazione sul mercato. E’ così che abbiamo assistito alla diffusione del trading online e ai cosiddetti broker, che ci consentono di “comprare” azioni quotate in Borsa a Milano, Wall Street e ovunque in giro per il mondo, ma non solo: materie prime come oro, argento e perfino zucchero o caffè, passando per le valute (euro-dollaro ed euro-sterlina sono quelle più gettonate negli ultimi mesi) e altri strumenti di investimento come i bitcoin. Tutto questo senza avere nulla in mano, né lingotti d’oro, né mucchi di dollari o sterline: com’è possibile? Lo vedremo subito, oltre a capire se questa nuova frontiera degli investimenti è veramente una ghiotta opportunità, oppure si tratta di una delle tante fregature che circolano sul web.

Come giocare in Borsa con il trading online

Capire cos’è il trading non è in sé complesso. Tutt’altro. Basta informarsi su una delle tante guide presenti online a costo zero (sul sito TradingOnlineGuida è presente una descrizione allo stesso tempo dettagliata e non eccessivamente prolissa: http://www.tradingonlineguida.com/corso-trading/giocare-borsa/) che spiegano il funzionamento dei mercati di Borsa su internet. Questo sarà il primo passo, che vi permetterà di capire com’è possibile avere accesso ad una tale quantità di beni d’investimento: in parole povere, noi non andremo ad investire sul bene fisico, ma sul valore di quel bene, con il vantaggio di avervi accesso immediato (sia per l’acquisto che per la vendita) e un risparmio in termini di commissioni sull’acquisto, totalmente assenti nella maggior parte dei broker.

Errori comuni, consigli e conclusioni

Abbiamo appena visto i vantaggi di giocare in Borsa su internet, ma è importante anche capire dove possiamo commettere errori che possono costarci cari in termini di denaro perduto. Prima di tutto nella mancata preparazione preliminare: se non consultiamo una guida, come già accennato sopra, ma ci fiondiamo immediatamente sul primo broker di trading online, corriamo essenzialmente due rischi. Quello di finire su un broker illegale (per evitarlo basta affidarsi solo ed esclusivamente a piattaforme regolamentate CySEC come Plus500, Fineco e Markets) e inoltre, anche nel caso in cui il broker è sicuro, il rischio di compiere scelte sbagliate nel momento sbagliato, fattore da non sottovalutare che ogni giorno causa perdite di denaro evidenti, così da far allontanare, in modo prematuro, le persone dal mondo del trading.

Preparazione e formazione prima di tutto, dunque, per far sì che giocare in Borsa attraverso il trading online sia davvero una grande opportunità di portare a termine investimenti proficui e sicuri.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Si è spento Dario Fo. Nel 2012 Laurea Honoris Causa dall'Università di Foggia

Articolo successivo

Scomparsa Domenico Carella, il cordoglio della Fondazione Banca del Monte