Cultura e territorio

Il dialetto foggiano, quella parlata unica che profuma della nostra terra

Foggia -Il dialetto foggiano rientra nei dialetti pugliesi settentrionali (dauno-appenninici), a loro volta parte del continuum dei dialetti italiani meridionali, detto anche lingua napoletana.

Il dialetto è la testimonianza delle nostre tradizioni, un modo diretto e forte per esprimere concetti che in italiano non avrebbero la stessa valenza. Il dialetto è il ricordo dei nostri nonni, la nostra origine, il profumo della nostra terra e il volto della gente che l’ha abitata prima di noi.
Il nostro colorato e “duro” dialetto si evolve durante l’XI secolo, nel periodo di dominazione normanna, quando la nostra terra era abitata da Federico II di Svevia. Successivamente la lingua foggiana subì l’influenza di altri dialetti, come quello napoletano e quello abbruzzese, per poi diventare il dialetto che conosciamo oggi.
Ecco un testo scritto in dialetto foggiano da Ettore Braglia:
“Ѐ parlà u’ fuggiane Nne tè stà maie a’ vergugnà a parlà de tuie dialett’ E a manire chiù megghjie ppe dice da ndò vine. Ѐ addore da terra tuie, u zughe da tuie resate e a parlate tuie me dice che si fuggiane. A’ parlate tuie è na museque, è cant che cunsuleie, u’ frutt di papanonne che tanne date.
Parlanne nda case e fore lè parlà chiere chiere, è belle u dialette fuggiane ppe chi u’ sape sente.
Nne lassà che se perde, a storie, i canzune, i pruvirbie e i tradezione l’amma avute cume eredità. Fine da appene nate cà prime ninna ninna sope u’ core de mammà l’è mparate. Stu dialette te recorde ndu cavede du vrascier i parole dolce e care du core. Puie sapè i lingue de tutt u’ munne ntere ma parlà u fuggiane è u chiù vere dialette che remane”.
Traduzione: “Parlare il foggiano Non ti devi mai vergognare di parlare il tuo dialetto, è il modo migliore per dire la tua provenienza. L’odore della tua terra, il sugo delle tue risate e la tua parlata mi dice che sei foggiano. La tua parlata è unica, è un canto che consola, il frutto dei nonni che ti hanno dato.
Parlane nella casa e fuori, lo devi parlare chiaro chiaro, è bello il dialetto foggiano per chi sa ascoltare. Non devi lasciare che si perde, la storia, le canzoni, le tradizioni avute in eredità. Fin da quando sei nato, con la prima ninna ninna sul cuore della mamma l’hai imparato.
Questo dialetto ti ricorda al caldo del braciere le parole dolci e care del cuore. Puoi girare tutto il mondo intero ma parlare foggiano è il vero dialetto che rimane”.

Redazione

Foggiareporter.it è il quotidiano online della Provincia di Foggia. Cronaca, eventi, politica e sport dalla Capitanata. Leggi tutti i nostri articoli.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close

Sostenerci è facile

Per favore, disabilita AdBlock