Home»Cultura e territorio»Università: intesa tra Bari e Foggia per specializzazioni mediche

Università: intesa tra Bari e Foggia per specializzazioni mediche

La Regione Puglia ha sottoscritto un protocollo d’intesa con l’Università degli Studi di Bari e di Foggia per la “Disciplina dell’integrazione fra attività didattiche, assistenziali e di ricerca”: suddiviso in 20 articoli, il protocollo disegna un sistema condiviso e unitario di gestione delle due aziende universitarie ospedaliere che avrà un impatto soprattutto sulla gestione delle scuole di specializzazione mediche

La Regione Puglia ha sottoscritto un protocollo d’intesa con l’Università degli Studi di Bari e di Foggia per la “Disciplina dell’integrazione fra attività didattiche, assistenziali e di ricerca”: suddiviso in 20 articoli, il protocollo disegna un sistema condiviso e unitario di gestione delle due aziende universitarie ospedaliere che avrà un impatto soprattutto sulla gestione delle scuole di specializzazione mediche.

“È la prima volta che le due Università di Bari e Foggia si mettono insieme per la crescita dell’intero sistema sanitario regionale che provvede alla formazione di tutti i medici pugliesi. L’anno scorso a causa della dimensione delle due Università, quella di Bari e quella di Foggia, o delle due Scuole di Medicina, si è corso il rischio di perdere definitivamente una serie di scuole di specializzazione che avrebbero in qualche modo reso difficile, per la Puglia, laureare e specializzare i medici che ci servono per non avere i reparti vuoti. Sommare al numero degli studenti di Bari, il numero degli studenti di  Foggia, ci rafforza nel parametro fondamentale per le scuole di specializzazione. Questa, a mio avviso, è un esempio di competizione collaborativa” – ha affermato il presidente della Regione Michele Emiliano.

La Regione garantisce sostegno economico

“Oggi il vero problema per la comunità è l’insufficiente numero dei medici, soprattutto dei medici specialisti. Ecco perché va apprezzato aver previsto un intervento anche da parte della Regione Puglia per poter sostenere le scuole di specializzazione. È evidente che le Scuole di medicina puntano ad un miglioramento della qualità attraverso il potenziamento dei corsi di laurea. Noi dobbiamo essere in grado di formare specialistici e di non perdere i corsi di specializzazione. Insieme ce la possiamo fare” – ha commentato il rettore dell’Università di Foggia Maurizio Ricci.

“Si profila un modello di gestione integrato e partecipato tra la sanità pubblica regionale e le due Aziende universitarie ospedaliere, anche e soprattutto in tema di formazione e di rete territoriale. Particolarmente significativo dunque il sistema di governance che disegna una condivisione di tutto, dai beni alle perdite, dagli utili ai fabbisogni del sistema sanitario, fino ad arrivare al personale. Ci sarà una piena condivisione anche di scelte per la ricerca e l’innovazione. Molto importante anche la Carta dei principi contenuta nel protocollo, una Carta che si rifà essenzialmente, tra gli altri, ai principi di legalità e di sostenibilità dal punto di vista economico finanziario. Non è stato un percorso semplice abbiamo discusso tre anni per arrivare a questo risultato, sempre però avendo accanto la Regione Puglia e il suo sostegno pieno e condiviso” -commenta il rettore dell’Università degli Studi di Bari, Antonio Felice Uricchio.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

San Severo, Carlo Buccirosso al Teatro Verdi con Il Pomo della discordia

Articolo successivo

Bufera all’Unifg. Avviso di garanzia per il rettore Maurizio Ricci