Home»Cultura e territorio»Trivelle in Adriatico, si mobilitano le associazioni ambientaliste

Trivelle in Adriatico, si mobilitano le associazioni ambientaliste

Oggi, giovedì 15 marzo, alle ore 16, presso la sede di Legambiente Puglia, in via della Resistenza, 48 B/2 a Bari, la rete #notriv incontrerà il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano

A seguito del rigetto da parte del Consiglio di Stato dei ricorsi contro le autorizzazioni del governo nazionale alle attività di ricerca e prospezione di giacimenti petroliferi nel nostro mare,ricomincia la battaglia per difendere l’Adriatico.

 

Oggi, giovedì 15 marzo, alle ore 16, presso la sede di Legambiente Puglia, in via della Resistenza, 48 B/2 a Bari, la rete #notriv incontrerà il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e i parlamentari pugliesi per discutere le modalità attraverso cui affrontare la tematica delle estrazioni petrolifere nel mare Adriatico e in Puglia.

 

La rete di tutela del mare #notriv chiede che Regione e parlamentari si facciano promotori di una legge che vieti la tecnica dell’airgun, estremamente pericolosa e impattante per l’ecosistema marino, oltre che la redazione di un Piano delle Aree per le attività di prospezione, ricerca e coltivazione degli idrocarburi, da sottoporre a valutazione ambientale strategica, per avere un quadro degli effetti cumulativi delle attività petrolifere in corso, visto che la nostra regione continua a far gola alle società petrolifere.

teleradioerre

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Landella: "La mia solidarietà ai titolari delle attività colpite. Non mollate"

Articolo successivo

Foggia. Avvocatessa arrestata per truffa