Home»Cultura e territorio»Torremaggiore – Ecco il progetto di Servizio Civile “Ma che bel Castello”.

Torremaggiore – Ecco il progetto di Servizio Civile “Ma che bel Castello”.

Monteleone: “Lavoriamo costantemente per la valorizzazione di tutti i nostri patrimoni”

“Un progetto che intende rafforzare ed incrementare il ruolo di centro propulsore di attività culturali del Castello Ducale verso i cittadini di Torremaggiore, in particolar modo verso i bambini e i ragazzi, e che coinvolgerà cinque giovani offrendo loro un’opportunità lavorativa e di formazione per un anno. Un obiettivo raggiunto dal settore cultura del nostro Comune che è costantemente a lavoro per stimolare lo sviluppo della nostra città con particolare attenzione alla valorizzazione dei nostri patrimoni materiali, immateriali e umani. Lo abbiamo fatto di recente con le celebrazioni dedicate alla figura del trasvolatore oceanico torremaggiorese, il Generale Antonio Lippi, e proseguiamo a farlo con il Castello Ducale, per noi punto di riferimento imprescindibile sotto il profilo storico-culturale e che intendiamo valorizzare appieno sfruttando ogni occasione, finanziamento e progettualità possibile”. E’ quanto afferma il Sindaco di Torremaggiore, Pasquale Monteleone, in merito al progetto di Servizio Civile denominato “Ma che bel Castello”, recentemente approvato dal Dipartimento di Servizio Civile Nazionale su proposta dell’Amministrazione comunale e che riguarda l’animazione culturale verso i minori. Il progetto mira a coinvolgere fasce d’età difficilmente raggiungibili, perché costituite da minori o perché condizionate dalle scelte dei genitori, e offrire agli stessi la possibilità di avvicinarli e di appassionarli ad alcune forme di intrattenimento culturale; realizzare animazione per i minori con lo scopo di arrivare anche agli adulti in un percorso di condivisione genitore-figlio; rendere la cultura, che solitamente si intende come ambito riservato a pochi, accessibile attraverso canali accattivanti per i bambini e per i ragazzi; realizzare animazione culturale, proporre attività finalizzate alla condivisione di tradizioni, saperi legati ad un’epoca e al nostro territorio e di risorse artistiche presenti nel Castello.
Il progetto si propone inoltre di: definire e concretizzare sia l’immagine del Castello quale luogo aperto ai bambini e ai ragazzi che l’idea e la percezione del Castello come un luogo di pregio, da tutelare, da rispettare, da valorizzare, ma aperto alla fruizione dei bambini e dei ragazzi che devono viverlo come luogo stimolante e pieno di curiosità; accrescere la fruibilità delle risorse presenti nel Castello quali la Biblioteca e il Museo Civico; migliorare il sistema di informazione, promozione e sensibilizzazione verso il target di riferimento; attivare un sistema di monitoraggio delle risposte agli stimoli dati; aumentare le possibilità di nuovi percorsi educativi e ricreativi e di socializzazione offerte ai bambini e ai ragazzi coinvolti; sviluppare servizi all’interno del Castello, anche a supporto delle politiche di conciliazione vita-lavoro come le attività da realizzare nel periodo estivo.
Relativamente al Museo Civico e alla Biblioteca Comunale, il progetto si propone di: incrementare il numero di visitatori in età scolastica; migliorare l’accessibilità al Museo relativamente agli orari; concretizzare l’idea che il Museo non è solo per gli adulti ma un luogo dove ci si può divertire e dove si possono conoscere le origini della nostra storia e che la Biblioteca è un luogo privilegiato dove gratuitamente è disponibile un enorme patrimonio di conoscenza e di informazioni, oltre che di immagini, ed è un luogo deputato non solo alla lettura. Organizzare e realizzare attività e laboratori teatrali nella sala del Museo o nella sala del trono presente nel Castello al fine di avvicinare i bambini e i ragazzi a questa arte e realizzare attività di promozione e sensibilizzazione relativamente alla stagione teatrale ragazzi sono altri obiettivi che il progetto si propone di cogliere.

I posti disponibili per tale progetto sono 5 di cui 1 riservato a un giovane con bassa scolarità (massimo licenza media). La partecipazione è riservata ai giovani di età compresa tra i 18 e i 28 anni e 364 giorni. Il termine ultimo per la presentazione delle domande è lunedì 26 giugno alle ore 12. Le domande possono essere consegnate a mano all’Ufficio Protocollo Generale in busta chiusa, tramite Raccomandata A/R, tramite Pec indirizzata al Comune di Torremaggiore – piazza della Repubblica 1 – Ufficio Cultura. Referente del progetto: Angela Sacco (0882/391114 – e-mail angela.sacco@comune.torremaggiore.fg.it (per informazioni è possibile telefonare, scrivere, o presentarsi di persona tutte le mattine dalle 12 alle 13).

Per ulteriori e dettagliate informazioni

http://www.comune.torremaggiore.fg.it/avvisi_long.php?modulo=Avvisi&long_avvisi=1880

http://www.comune.torremaggiore.fg.it/avvisi_long.php?modulo=Avvisi&long_avvisi=1879

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

La ASL incontra i sindacati FSI e FIALS

Articolo successivo

En Plein di riconoscimenti per i musicisti in erba della Foscolo in trasferta