Home»Cultura e territorio»I terrazzani

I terrazzani

I terrazzani, quello spaccato della popolazione foggiana da non dimenticare 

I terrazzani, quello spaccato della popolazione foggiana da non dimenticare

È in piazza Sant’Eligio che si sono sviluppati i due borghi popolari abitati dai “Terrazzani”. Il terrazzano è la figura del contadino che non sottoposto alle leggi del padrone viveva miseramente di quello che la terra spontaneamente offriva. Si differenziava dal resto degli abitanti di Foggia anche per il dialetto “Crocese” più aspro e gutturale. Di rado lo si vedeva in città se non la domenica nei pressi di via Oberdan e piazza Cesare Battisti a darsi spasso e fumare con una orrenda pipa dalla lunga canna.

L’antico suo costume dalle barche su calzoni bianchi e dal cappotto a ruota con berretto di cotone bianco che terminava con un fiocco a punta o nascosto sotto un cappello fosco si affacciava sul collo pieno di sudiciume. Questo è oramai nel ricordo dei vecchi e fa parte del passato. Oggi in piazza Sant’Eligio queste figure sono state dimenticate e li antistante la chiesa delle croci è innalzato dal 1920 il monumento a Filippo Corridoni che non si sa chi fosse.

A cura di Ettore Braglia

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Biglietti Foggia-Ascoli

Articolo successivo

Una manfredoniana al The Miss Globe