Home»Cultura e territorio»Sicurezza, logistica e merito: l’Università di Foggia migliora servizi e dotazioni strumentali.

Sicurezza, logistica e merito: l’Università di Foggia migliora servizi e dotazioni strumentali.

Migliorano i servizi offerti dall'Università di Foggia

Durante il Senato Accademico tenuto giovedì u.s., tra le altre, l’Università di Foggia ha assunto importanti decisioni in materia di sicurezza, merito didattico (con particolare riferimento agli studenti, la cui carriera universitaria verrà premiata con l’esonero delle tasse) e logistica (miglioramento degli spazi, delle aule e dei laboratori in dotazione presso i vari Dipartimenti). Determinazioni che contribuiranno al miglioramento della vita degli studenti e alla loro percezione di sicurezza all’interno degli edifici che ospitano i vari Dipartimenti dell’Ateneo.

«Questa Università, negli ultimi mesi, ha impegnato la consistente cifra di 3 milioni di euro in tema di sicurezza e ampliamento degli spazi per aule, laboratori e uffici – argomenta il Rettore, prof. Maurizio Ricci –, risorse destinate non solo alla tutela e alla incolumità degli studenti, ma anche alla protezione e alla valorizzazione delle strutture, delle risorse e degli edifici dell’Ateneo. Questa decisione, assunta non senza coraggio, soprattutto in tempi di continui tagli ai fondi destinati alle Università, è frutto di un lavoro finalizzato anche a individuare le risorse finanziarie da impiegare per il prolungamento e il miglioramento del servizio di vigilanza anche nelle strutture Dipartimentali. Così è stato – aggiunge il Rettore – anche per l’aumento del cosiddetto “merito accademico” da 18 a 36 studenti che ne avranno adesso diritto, decisione frutto della volontà dell’Ateneo di rendere giustizia a chi si è iscritto all’Università di Foggia con l’intento di laurearsi nei tempi previsti. Un tema a me carissimo, perché è sul diritto alla conoscenza e allo studio che si basa una vera democrazia. Sulle pari opportunità concesse agli studenti che si riconosce, a mio avviso, un Paese civile dal suo esatto contrario. Da lì, poi, ovvero dalla possibilità di accedere agli stessi diritti, discende tutto il resto. A tal proposito, vale la pena ricordare, ancora una volta, che quelle dell’Università di Foggia restano tra le tasse più basse d’Italia, nonostante gli studenti totalmente esonerati dal loro pagamento pesino in maniera piuttosto evidente sul bilancio di Ateneo (circa il 40% del totale).
Quanto, poi, alla logistica dell’Ateneo, già prevista nel Piano Strategico di Ateneo 2016-18, è stata migliorata e lo sarà ancor di più nell’imminente futuro con interventi che hanno gravato in misura sensibile sul bilancio. Il prossimo 26 settembre, verranno inaugurate altre due aule, pienamente attrezzate, per contenere i frequentanti del corso di laurea in Medicina all’interno del Polo Biomedico E. Altomare di via Napoli. Sempre per potenziare le condizioni di ricerca e la vita di chi in queste strutture trascorre quasi l’intera giornata, entro il mese di ottobre verranno inaugurate lo “skill lab” e le “core facilities” dei Dipartimenti di Area Medica e di Scienze agrarie: laboratori didattici e stazioni scientifiche al servizio della qualità della nostra ricerca scientifica, già di notevole livello, e della didattica. Tutto ciò – sottolinea ancora il Rettore – si è realizzato, all’interno di un programma ben strutturato, per la volontà comune e l’impegno costante degli organi centrali e decentrati di Ateneo, che vede al suo fianco, come stimolo e sostegno, l’azione vivace e generosa delle associazioni studentesche. E per il prossimo anno si concluderanno i lavori relativi alla ex piscina e alla ex palestra che faranno accrescere di molto gli spazi per la didattica e la ricerca per i Dipartimenti di Economia e di Giurisprudenza, oltre al progetto di efficientamento energetico che riguarderà tutti i plessi edilizi e l’amministrazione centrale. Chiudo ricordando con viva gratitudine che, grazie a una donazione che ha permesso di non incidere sui costi di UniFg, ogni singolo plesso edilizio dell’Ateneo potrà disporre di un defibrillatore, apparecchio fondamentale a tutela dell’incolumità di chi frequenta quotidianamente gli ambienti di lavoro: con l’augurio – me lo si consenta – che nessuno dei suddetti defibrillatori debba mai essere utilizzato».
Sempre durante l’ultimo Senato Accademico è stata adottata, inoltre, la delibera del consiglio del Dipartimento di Giurisprudenza in materia di inserimento dei neolaureati nel mercato del lavoro (tra i primi Dipartimenti giuridici a farlo, in Italia): una decisione che consente di anticipare di 6 mesi l’inizio obbligatorio del tirocinio previsto per Legge. Chi si laurea in Giurisprudenza a Foggia, quindi, potrà fruire di questo ulteriore vantaggio.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

"Mareria" porta il mare a Foggia! Mercoledì l'inaugurazione

Articolo successivo

Picchia l'anziana madre per farsi consegnare del denaro: arrestato