Home»Cultura e territorio»Piazza Italia: quello slargo storico di Foggia che ha cambiato tanti nomi

Piazza Italia: quello slargo storico di Foggia che ha cambiato tanti nomi

Conoscete la storia di una delle piazze più vissute dai foggiani?

Foggia – Chi non conosce Piazza Italia? Tutti ci siamo passati almeno una volta o ci siamo seduti a chiacchierare tra le sue aiuole. A seconda dell’età, ognuno ha sicuramente dei ricordi legati a questa caratteristica piazza della città.

Forse non tutti sanno, però, che quella che siamo soliti chiamare con questo nome così patriottico ha cambiato diversi nomi nel corso della storia e, che questa attuale denominazione risale solamente al 22 ottobre 1959, quando vi fu trasferito il monumento ai Caduti in Guerra, opera dello scultore Amleto Cataldi, precedentemente collocato in piazza Lanza, poi diventata piazza Giordano. Ripercorriamo la storia di questo storico piazzale che attira da sempre lo sguardo e l’attenzione dei turisti, e che sicuramente è la piazza più vissuta dai foggiani.

Piazza Italia e la sua storia, quando ancora non si chiamava così

Un tempo priva di una denominazione propria, questa piazza era indicata con lo stesso nome della Caserma “Miale da Troia” (poi diventato sede della Polizia di Stato) che vi si affaccia. Si chiamò così sino al 4 giugno 1928, giorno in cui Vittorio Emanuele III, re d’Italia, si recò a Foggia per scoprire le due lapidi poste sulla facciata della Caserma, recanti il “Proclama dell’entrata in guerra” e il “Bollettino della Vittoria” e per inaugurare il cosiddetto “Parco della Rimembranza”, costituito da cinquecento alberi di pino, ciascuno adornato da tripode recante una targhetta in ferro smaltato con il nome di un eroe caduto nel corso della prima guerra mondiale.

Dal 1928 la Piazza cambiò nome e iniziò ad essere chiamata piazza XXVIII ottobre, a ricordo dell’episodio rivoluzionario che, al comando di Giuseppe Caradonna, partì da quel luogo il 22 ottobre 1922 per congiungersi ai fascisti armati che si erano concentrati a Santa Marinella, Monterotondo e Tivoli, per poi partecipare il 29 ottobre dello stesso anno alla marcia su Roma, predisposta da Benito Mussolini.

Dopo la Seconda guerra mondiale lo slargo cambiò nuovamente nome e fu intitolata al navigatore genovese Cristoforo Colombo. Il nome con il quale siamo soliti indicare il piazzale tutt’oggi, come detto sopra, venne assegnato il 22 ottobre 1959.

Alberto Mangano, a proposito di Piazza Italia, scrive sul sito manganofoggia.it il ricordo di come lui ha vissuto gli anni in cui questo storico piazzale veniva chiamato dai ragazzi foggiani “i giardini”:

“Negli anni 70 divenne ritrovo di tutti i giovani foggiani, che si incontravano non solo all’entrata e all’uscita di scuola, soprattutto dal Palazzo degli Studi, ma anche la sera o la domenica mattina. Per oltre vent’anni i giovani si incontravano ai “giardini” o ai “giardinetti” e lì sono nate amicizie e amori; c’erano quelli che si intrattenevano vicino al “palo”, quelli che stavano sui gradini del Palazzo degli Studi, altri che stazionavano nei pressi del Monumento, altri ancora che affollavano la zona prospiciente il vecchio Tribunale (oggi Università degli Studi) e la zona che frequentavano indicava il loro modo di essere, spesso il loro pensiero politico e, sovente, c’erano innocenti scaramucce tra i frequentatori dell’una o dell’altra parte della piazza”.

 

Piazza Italia Nel 1928
Piazza Italia nel 1928 dal sito manganofoggia.it

 

Piazza Italia 1998
Piazza Italia nel 1998 dal sito manganofoggia.it

 

 

Fonti: Wikipedia, Manganofoggia.it

 

 

0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Studiare all'estero: domani la presentazione delle borse di studio Intercultura

Articolo successivo

L'Università di Foggia partecipa al Mese dell'educazione finanziaria

Nessun commento

Lascia un commento