Home»Cultura e territorio»Il libro su Papa Francesco e don Tonino Bello presentato a Vico del Gargano

Il libro su Papa Francesco e don Tonino Bello presentato a Vico del Gargano

"Amare il mondo. Creare la pace" è il libro di Sergio Paronetto dedicato a due esseri umani straordinari: Papa Francesco e don Tonino Bello.

Amare il mondo. Creare la pace è il libro di Sergio Paronetto che ricostruisce il filo rosso tra la vita e le opere di due esseri umani straordinari: Papa Francesco e don Tonino Bello. Il volume è stato presentato venerdì 18 dicembre a Vico del Gargano, all’interno della rassegna “Uomini e donne della pace”.

Alla serata, oltre a Paronetto (vice presidente di Pax Christi Italia), ha preso parte anche l’avvocato Massimiliano Arena, direttore di Dirittominorile.it. “E’ stato un onore e un grande piacere vestire i panni del ‘moderatore’”, ha commentato Arena, che ha citato tra i ringraziamenti Nicolino Sciscio, segretario dell’Associazione “Foresta Umbra” e ideatore di “Uomini e donne di pace”, e Salvatore Miscio, responsabile Giovani della Diocesi di Manfredonia. Presenti anche Mons. Michele Castoro, arcivescovo della Diocesi di Manfredonia, Vieste e San Giovanni Rotondo, il consigliere provinciale delegato alla Cultura, Gaetano Cusenza, e l’assessore alle Politiche Giovanili della Regione Puglia, Raffaele Piemontese.

Amare il mondo. Creare la pace è un cammino che procede delle periferie del mondo arrivando dritto al cuore dei lettori e di una questione da cui dipendono i destini di un’umanità sofferente ma vitale: la pace, la costruzione faticosa ma entusiasmante di un mondo capace di realizzare le nostre migliori aspirazioni, “a immagine e somiglianza di Dio”. Papa Francesco è partito dall’Argentina. Don Tonino Bello dal profondo Salento. Il Sud della Terra. Entrambi nella loro vita hanno testimoniato e continuano a farlo, nonostante il vescovo salentino si sia ricongiunto al Padre nel 1993, la lezione dell’umiltà e della determinazione. Al centro della loro opera, c’è sempre l’essere umano, la cura dei poveri, la propensione a privilegiare le esistenze, il volto e il cuore delle persone, rispetto alle dottrine.

“Iniziative come questa sono importanti, perché ci raccontano l’esempio di donne e di uomini che nella chiesa, nel volontariato, in mezzo alle persone comuni e a quelle che hanno più difficoltà, si può agire costruendo una società più attenta alle necessità e ai sogni della povera gente”, ha concluso Arena.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Pizzeria Mia, un assegno di 15mila euro per la titolare

Articolo successivo

Inaugurata la ventesima edizione del "San Severo Presepi", mostra di arte presepiale e diorami