Home»Cultura e territorio»Immatricolazioni, Foggia seconda Università d’Italia per incremento di studenti

Immatricolazioni, Foggia seconda Università d’Italia per incremento di studenti

Oltre all'exploit di Scienze investigative, hanno fatto registrare ottimi risultati anche i cdl in Economia, Marketing management, Scienze degli alimenti,Scienze motorie, Beni culturali e Scienze della formazione.

Già diffusi in passato, quando si intravvedevano appena i contorni di un risultato che si annunciava come eccellente, adesso si possono darepraticamente per acquisiti e definitivi i dati delle immatricolazioni all’anno accademico 2016/17 dell’Università di Foggia. E sono 3246 gli studenti che hanno scelto i corso di laurea presenti nell’Offerta Formativa UniFg, stabilendo «un risultato che – come commenta il Rettore, prof. Maurizio Ricci – segna il più vistoso incremento dell’Università di Foggia da diversi anni in qua». Un risultato che pone l’Università di Foggia ai vertici della relativa graduatoria nazionale, probabilmente al primo posto assoluto di questa speciale classifica – e non al secondo – considerati gli ultimi aggiornamenti hanno ulteriormente migliorato il dato ufficiale.

Un incremento largamente dovuto all’istituzione del corso di laurea in Scienze investigative (+ 576 studenti), tuttavia conseguito anche grazie all’aumento delle immatricolazioni presso diversi altri corsi. Eccoli nel dettaglio: Economia (168 immatricolati, con un incremento del 69,7%);Marketing management (65 immatricolazioni: + 51,2%); Scienze delle attività motorie e sportive (184 immatricolati: + 40,5%); Tecniche di radiologia medica (13 immatricolazioni: + 30%); Scienze degli alimenti e nutrizione umana (63 immatricolazioni: + 110%); Lettere e Beni culturali (159 immatricolazioni: + 24,2%) e Scienze dell’educazione e della formazione (400 immatricolazioni: + 61,3%). «La grande eco nazionale ottenuta grazie all’ampio servizio pubblicato nei giorni scorsi sul quotidiano “la Repubblica” – ha aggiunto il Rettore – naturalmente ci riempie di gioia e ci gratifica per tutto il lavoro che abbiamo svolto, ma una Università deve guardare a queste statistiche con obiettività e disincanto se vuole continuare a offrire didattica e ricerca scientifica di grande qualità. Il successo delle 3246 immatricolazioni all’anno accademico 2016/17 è un dato davvero molto significativo, che forse sarà difficile ribadire nei prossimi anni ma che certamente ci invita a fare sempre di più e sempre meglio. A cominciare dal nuovo corso di laurea in Scienze e tecnologie biomolecolari presentato qualche giorno fa, da cui ci aspettiamo grandi soddisfazioni oltre a una discreta affluenza ai test di accesso (il corso è a numero chiuso, massimo 50 immatricolazioni per anno accademico; NdR). Intanto, per il successo dei dati che abbiamo appena commentato, mi preme ringraziare tutta l’Area Orientamento, tutti i docenti, il personale tecnico-amministrativo e i tutor che si sono impegnati in una Campagna di Orientamento che praticamente non aveva precedenti, visto che siamo andati in oltre 60 istituti scolastici e che abbiamo ricevuto una grande quantità di studenti anche presso i nostri Dipartimenti. Credo che il boom di immatricolazioni registrato sia frutto non solo di particolare tenacia da parte nostra, ma soprattutto del fatto che si sta facendo largo il concetto secondo cui, a parità di condizioni e di offerta formativa, la qualità delle proposte dell’Università di Foggia non teme alcun confronto, come testimoniano tutte le graduatorie ufficiali e no».

0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Presentato il progetto "FLY GARGANO"

Articolo successivo

Foggia, il palazzo storico dell'Incoronata si tinge di futuro

Nessun commento

Lascia un commento