Home»Cultura e territorio»Il portale nascosto di San Martino

Il portale nascosto di San Martino

Avete mai sentito parlare di questo gioiello della cattedrale di Foggia?

È un misterioso gioiello della Cattedrale di Foggia, un piccolo tesoro nascosto.

È scarsamente fruibile, perché quel lato della Cattedrale non è aperto al pubblico, il cancello che lo protegge è sempre chiuso, se non la domenica mattina aperto per qualche ora in concomitanza della messa nell’attigua chiesa dell’Annunziata. L’opera tornò alla luce dopo che una bomba distrusse la cappella di Sant’Antonio che lo nascondeva alla vista. Il cosiddetto portale di San Martino con l’interessante bel cornicione e pregevoli sculture, ornamenti aggiunti nel periodo Svevo per arricchimento e maggiore dignità al tempio.

Nel portale si distinguono, nella lunetta superiore un Cristo tra due angeli in volo e in volo si slanciano verso l’alto sull’arco due leoni alati, giù in basso una Madonna con bambino, di lato a sinistra nella figura di centro, Sansone in lotta con un leone, alla sua destra un profeta o un alto prelato. Inoltre si distingue nettamente la figura di altorilievo di un cavallo con un mantello in cui il cavaliere è senza corpo. Qualcuno lo identifica con Federico II, quando proclamò Foggia Imperiale e sotto il cavallo un saraceno. Altri studiosi sostengono che si tratta di San Martino e di un povero che ebbe in dono il mantello. Il portale è murato e collegava il lato sinistro della Cattedrale con la chiesa dell’Annunziata.

A cura di Ettore Braglia.

1
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Caso Desirèe: i dettagli dell'operazione che ha portato all'arresto del quarto uomo

Articolo successivo

Landella non ha dubbi: il ghetto di Borgo Mezzanone va smantellato

Nessun commento

Lascia un commento