Home»Cultura e territorio»Il giovane chef foggiano Lele Murani nella guida Slow Food

Il giovane chef foggiano Lele Murani nella guida Slow Food

Lo chef foggiano Lele Murani e il suo ristorante Terra Arsa sono stati inseriti nella guida 2017 “Osterie d’Italia”, curata da Slow Food Editore.

Lo chef foggiano Lele Murani e il suo ristorante Terra Arsa sono stati inseriti nella guida 2017 “Osterie d’Italia”, curata da Slow Food Editore. Un traguardo importante per uno dei più giovani chef di Capitanata ad essere stati inseriti nella prestigiosa guida. Per Murani è una soddisfazione difficile da descrivere: «Ricevere questo riconoscimento significa il coronamento di anni di sacrificio e duro lavoro in cui non ho mai perso di vista la ferrea determinazione di proporre in città una cucina innovativa e genuina. Per me è e sarà uno sprone a fare sempre meglio, per cui grazie a tutti coloro che hanno permesso tutto ciò».

Slow Food è “una associazione internazionale non profit impegnata a ridare valore al cibo, nel rispetto di chi produce, in armonia con ambiente ed ecosistemi, grazie ai saperi di cui sono custodi territori e tradizioni locali”. Attraverso una concreta attività sul campo, Slow Food diffonde l’ideale di un cibo buonopulito e giusto. E cioè: l’importanza di cibarsi di alimenti freschi, gustosi e di stagione, che soddisfino i sensi e si riallaccino alla cultura e alle identità locali. Ancora cibo pulito, ossia lavorato con metodi di produzione rispettosi dell’ambiente e della salute umana. Il tutto proposto al pubblico con prezzi accessibili per i consumatori, ma anche con guadagni equi per i piccoli produttori, che devono garantire a loro volta condizioni di lavoro dignitose. ‘Osterie d’Italia’, invece, edita da Slow Food Editore, è una Guida ormai trentennale che segnala in Italia i locali e ristoranti in cui poter apprezzare cucina di tradizione e beneficiare di quell’ideale di cibo sopra ribadito. Una guida corposa che racconta storie di attività spesso a conduzione familiare, le Osterie appunto, luoghi dall’identità pop e semplice, in cui mangiare prodotti dell’orto, gustare menu vegetariani, apprezzare la mano di un cuoco, più che di uno chef.

 

Tutte caratteristiche fedelmente perseguite da Terra Arsa nei suoi sette anni di vita. Infatti proprio il 3 Marzo, in occasione, del compleanno del ristorante venerdì saranno riproposti i piatti storici e più apprezzati di questi anni,quelli che, grazie alla genuinità e alla qualità dei prodotti, hanno determinato l’ingresso nella prestigiosa guida. Accompagnati, inoltre, con frizzanti omaggi offerti dallo chef.

 

Terra Arsa è un piccolo ristorante guidato da uno staff molto giovane e votato ad una cucina mai banale, ricercata e raffinata, prevalentemente a base pesce, anche se non mancano prelibati piatti di carne. Fedele alle origini anche se molto altro è stato fatto di nuovo e di bello. Apprezzato e premiato grazie alla crescita personale e professionale dello Chef di casa. Al Terra Arsa lo chef Lele ha fatto della sua decennale esperienza in giro per l’Italia e all’estero un punto di partenza per creare una linea culinaria personale e riconoscibile: una filosofia che guarda all’innovazione, ma non dimentica i sapori e i colori della tradizione culinaria del territorio.

 

In tavola il lavoro e la cultura della tavola di più generazioni.

Al Terra Arsa Il Tavoliere e la sua stagionalità, la tradizione sono assicurati dall’ approvvigionamento delle materie prime direttamente dall’orto dell’azienda agricola Murani che fornisce, infatti, la maggior parte degli ortaggi e delle verdure che colorano quotidianamente le pietanze offerte. Un orto di famiglia lavorato con gelosia e sudore da papà Pasqualino, che impone di seguire i prodotti di stagione. La tradizione, da Mamma Nella e dal quartiere storico in cui Terra Arsa è sorto attirando una clientela giovane e attenta. Lele porta nei suoi piatti molta parte della tradizione culinaria ereditata da una famiglia tradizionalista più che mai. E più che mai si sente legato alle vie e ai vicoli di un quartiere che ha frequentato sin dall’ infanzia. Infine l’innovazione, dalla sperimentazione. L’attenzione alle evoluzioni della cucina italiana è sempre viva e costante: cotture veloci, prodotti freschissimi e di qualità, inventiva, i dettami di un vangelo culinario che Lele Murani predica con fede incrollabile.

 

Tra gli altri riconoscimenti ricordiamo che Terra Arsa è stata recentemente inserito dal giornalista Fabio Mollica in ‘Puglia’, un volume che è un atto d’amore verso la nostra straordinaria regione e che racconta oltre 65 storie di ristoranti e chef. Ed è, inoltre, per il terzo anno consecutivo sulla Guida ai sapori e piaceri della Puglia, edita da La Repubblica Bari.

 

Biografia Chef:

Lele Murani nasce a Foggia nel 1987. E muove i primi passi nel campo della ristorazione all’Istituto Alberghiero Enrico Mattei di Vieste. Da qui il passo verso una lunga gavetta è breve. Una moltitudine di stagioni sul Gargano e sulla Riviera Romagnola, mentre all’Estero ci va una volta diplomato. Prima in Svizzera dove entra nello staff della Pergola e dopo a Londra, al Crowne Plaza London. Una contaminazione di culture culinarie diverse che porta con sé quando decide di tornare in Italia, nel borgo toscano di Suvereto, dove inizia a lavorare con grande passione e impegno nello staff delle Nuvole. Un piccolo ristorantino votato al chilometro zero e con forte vocazione territoriale in cui Lele lascia un pezzettino di cuore.

Nel 2010 la maturità per lanciarsi in una nuova avventura c’è.  E anche un’idea di base: garantire piatti semplici e genuini con prodotti del territorio, creativi ed originali ma allo stesso tempo legati alle tradizioni. Il tutto condito dal servizio di uno staff giovane e fresco, prerogativa imprescindibile. Nascerà, così, Terra Arsa.

Link Evento  Buon Compleanno Terra Arsa:

http://bit.ly/2mpDcxw

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
1
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Corto in tasca”: per giovani, uno stage di cortometraggi

Articolo successivo

Miglio ricevuto al ministero, subito un piano per combattere la criminalità