Home»Cultura e territorio»Giornate Fai d’Autunno: un successo in Capitanata

Giornate Fai d’Autunno: un successo in Capitanata

Per il 2018, l’evento è stato dedicato dal Fai nazionale al tema dell’acqua

Grande successo di visitatori (circa 1.900) nei luoghi che erano proposti quest’anno dalla Delegazione di Foggia come mete di Capitanata per le giornate Fai d’Autunno.

Per il 2018, l’evento è stato dedicato dal FAI nazionale al tema dell’acqua, così il Direttivo foggiano ha scelto la Diga di Occhito, il Mulino ad acqua e la Taverna del Ponte di Bovino.

Oltre a mostrare luoghi di grande importanza naturalistica e storica poco noti e frequentati, l’iniziativa del Fai ha costituito anche un’occasione per destagionalizzare i flussi turistici verso le nostre aree interne: non pochi visitatori, infatti, sono venuti da altre province, in qualche caso anche pernottando negli agriturismi di Capitanata.

Fai Diga Occhito
Diga Occhito

 

Fai Taverna
Taverna

Un gruppo di ciclisti è venuto da Bari allo scalo di Bovino, scendendo dal treno ad Incoronata e raggiungendo il ponte sul Cervaro in bicicletta.

Giornate Fai Ciclisti Al Mulino
Ciclisti Al Mulino

Un buon numero di “ospiti” ha deciso di iscriversi al Fai o diventarne amici, con un modesto contributo. «Desidero ringraziare –dice il Capo Delegazione di Foggia Saverio Russo– quanti hanno collaborato alla buona riuscita dell’iniziativa, dalla signora Maria Grazia Marseglia per la Taverna del Ponte, alla famiglia Grasso per il Mulino, al Consorzio per la Bonifica della Capitanata –con il presidente Giuseppe De Filippo, la signora Giovanna Amelio, i tecnici e il personale tutto- per la Diga di Occhito. Un ringraziamento ai volontari del FAI che hanno impegnato molte ore del loro tempo libero per far conoscere un pezzo significativo del nostro territorio e le iniziative del Fondo Ambiente Italiano».

 

 

 

0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Vico del Gargano tra gusto e bellezza con “Vivi il Parco nell’Arte”

Articolo successivo

Orsara di Puglia, gli ospiti stranieri: “La Daunia è universale”

Nessun commento

Lascia un commento