Home»Cultura e territorio»Grande festa a Manfredonia

Grande festa a Manfredonia

La popolazione è in fermento: ecco il programma di oggi in occasione della festa patronale di Manfredonia

La popolazione è in fermento: ecco il programma di oggi in occasione della festa patronale di Manfredonia

Fedeli e cittadini si mettono in cammino per devozione a Maria Santissima di Siponto. La 182^ Festa patronale di Manfredonia, in corso da questa mattina, vede il culmine della fede e del folklore per la Protettrice della città con la processione della Sacra Icona per le vie della città. Un cammino – annoverato come il più lungo d’Europa – che dura diverse ore e vede la partecipazione di alcune decine di miglia di persone (all’unisono, senza alcuna distinzione età e ceto sociale).

La partenza è prevista alle ore 18, seguendo il seguente itinerario: Cattedrale, via Arcivescovado, corso Manfredi, viale Aldo Moro, via E. Tulliano, via della Croce, via di Porta Pugliese, via Palatella, via Antiche Mura, via Magazzini, (Ospedale civile “S. Camillo”), via Isonzo, via G. Matteotti, viale Beccarini, via S. Giovanni Bosco, corso Manfredi, via Campanile, piazza Giovanni XXIII, Cattedrale. La Processione sarà accompagnata dalla Banda musicale “Città di Manfredonia”, che questa mattina ha già effettuato un gioioso giro per le vie cittadine.

A precedere l’avvio (ore 17.30), il tradizionale colpo di mortaretto “u’calcasse” (inoltre, all’uscita della Sacra Icona dalla Cattedrale saranno sparati dei mortaretti, che si ripeteranno, a cadenza regolare, anche durante tutta la Processione), mentre al termine, dal loggione della Cattedrale è atteso il discorso a fedeli e cittadinanza di Sua Ecc.za Mons. Luigi Renna, Vescovo di Cerignola – Ascoli Satriano e Amministratore Apostolico di Manfredonia – Vieste – San Giovanni Rotondo. La principale Celebrazione Eucaristica della giornata (quella delle ore 9.30 in Cattedrale) è stata presieduta da Sua Ecc.za Mons. Domenico D’Ambrosio, Arcivescovo Emerito di Lecce.

In serata, in Piazza Papa Giovanni XXIII (ore 22, al rientro della Processione), il concerto live di Arisa che fa tappa a Manfredonia con il suo “Summer Tour”. L’Agenzia del Turismo ed il Comitato Festa Patronale hanno scelto proprio il talento artistico a tutto tondo e l’originalità di un variegato repertorio musicale a contraddistinguere il principale concerto della 182^ Festa patronale in onore di Maria SS. di Siponto.

Cantante, attrice, scrittrice, personaggio televisivo: il percorso artistico di Arisa ha molteplici diramazioni, tutte illuminate dal sole del talento (il suo palmares vanta già due vittorie a Sanremo e, nel 2015, del Festival della canzone italiana è stata anche co-conduttrice).  Tra le sue canzoni più celebri Sincerità (vincitrice Sanremo Giovani 2009), Malamorenò (Sanremo 2010), La notte (secondo posto Sanremo 2012),  Meraviglioso amore mio (2012), Controvento (vincitrice Sanremo 2014), L’esercito del selfie (2017).

La sua è indubbiamente una delle più belle voci femminili italiane, capace di emozionare anche i palati più fini. «Ha una voce composta e soave», ha detto il grande Lelio Luttazzi quando ha duettato con lei a Sanremo 2009. Maurizio Costanzo ha affermato che se dovesse affidare a un’ altra cantate italiana il brano “Se telefonando” (scritto con Ghigo De Chiara ed Ennio Morricone per Mina nel 1966) penserebbe subito all’interprete lucana. Anche Franco Battiato ha mostrato entusiasmo per le doti di Arisa e la invitò ad aprire alcuni suoi concerti.

Nell’ultimo anno, oltre che per numerose collaborazioni (con J-Ax e Fedez nell’album “Comunisti col Rolex”, con Takagi e Ketra per il singolo “L’esercito del selfie”, con Cristina D’Avena nell’album “Duets”, con Giovanni Caccamo a Sanremo 2018 per “Eterno”) Arisa ha prestato la sua voce a tre canzoni incluse in altrettante colonne sonore di film: “Ho perso il mio amore” (per “La verità, vi spiego, sull’amore” di Max Croci), scritta da Cheope, Federica Abbate e Giuseppe Anastasi; “Vasame” (per “Napoli velata”, ultimo film di Ferzan Ozpetek) scritta da Enzo Gragnaniello; e “Ho cambiato i piani” (per “Nove lune e mezza” di Michela Andreozzi), scritta da Niccolò Agliardi e Edwyn Roberts. Tre conferme di come la voce di Arisa sia capace di interpretazioni “narrative”, emozionanti e coinvolgenti.

Pur continuando a lavorare ai brani per il prossimo album di inediti, anche quest’anno Arisa non ha voluto far mancare la sua presenza dal vivo ai tantissimi che la seguono con grande affetto fin dal 2009, dall’anno del Sanremo di “Sincerità” e durante l’estate sta tenendo una serie di spettacoli in giro per l’Italia.

Per quanto concerne il concerto, nel rispetto della normativa sui pubblici spettacoli, l’organizzazione a tutela della sicurezza e della pubblica incolumità, ricorda il divieto di utilizzo di bottiglie di vetro e lattine, per il consumo di bevande. Inoltre, si avvisa che Piazza Papa Giovanni XXIII (presidiata dalle Forze dell’Ordine) avrà varchi e vie di fuga ben segnalati (tutte le vie limitrofe alla Piazza che in essa confluiscono) per consentire un afflusso ed un deflusso organizzato degli spettatori, nonchè zone di filtro e controllo. Per il sereno svolgimento dello spettacolo si invita a rispettare tali disposizioni e le indicazioni del personale del servizio d’ordine.

Poi, gran finale di serata (ore 01.00, Spiaggia Castello) con “FuocoAmmare”, lo spettacolo di fuochi pirotecnici con piattaforma a mare della Ditta “Pirotecnica San Pio” di San Severo, ad illuminare, la notte sipontina ed emozionare e sorprendere i tantissimi spettatori affacciati al suo Golfo con il naso all’insù.

0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Tentativo di furto in un magazzino

Articolo successivo

Riciclava autovetture: arrestato

Nessun commento

Lascia un commento