Home»Cultura e territorio»“Accummugghje e scummugghje”: il 29 e 30/10 al Teatro Regio di Capitanata tornano Norillo e Mancini per la 16a stagione Enarché.

“Accummugghje e scummugghje”: il 29 e 30/10 al Teatro Regio di Capitanata tornano Norillo e Mancini per la 16a stagione Enarché.

Ancora un weekend sul palco per Michele Norillo

Ancora un weekend sul palco per Michele Norillo, che sabato 29 e domenica 30 ottobre (nell’ambito della 16a stagione teatrale Enarché) tornerà in scena con la commedia Accummugghje e scummugghje al Teatro Regio di Capitanata, a Foggia in via Guglielmi, 8a (c/o Chiesa Madonna del Rosario).

La commedia in dialetto in due atti, scritta e diretta dallo stesso Norillo, è la riproposizione di un successo della passata stagione teatrale.

La trama. Ambientata tra gli anni ’40 e ’50 del XX secolo, la commedia trae spunto da una storia realmente accaduta, di cui l’autore ha avuto notizia. Protagonista della messinscena è il desiderio di possedere, la cupidigia che rende cattivo l’umano genere. Protagonista della storia è una donna, Genoveffa (Lidia Delle Noci), che è sposata a un vedovo molto abbiente. Lo scopo della donna è cercare di appropriarsene, andando a danneggiare la giovane Isabella, ovvero la sua figliastra (interpretata da Maristella Mazza). La vicenda vede sul palcoscenico ancheGiovanni Mancini nel ruolo dell’amministratore dei beni del ricco marito, la cameriera Onorata (la veterana Amalia Ponziano) e Michele Norillo stesso, che interpreta il fidanzato di Isabella.

Una storia antica solo per il tempo in cui è ambientata quella scritta da Norillo, che della commedia (il cui titolo alla lettera significa Copri e scopri, ossia Nascondi e svela) è anche attore, che con questo lavoro ha voluto mettere in scena i difetti peggiori degli esseri umani, in ogni epoca e situazione pronti ad approfittare del prossimo o, peggio ancora, a cercare di trarre profitto dalle disgrazie altrui.

Scenografie e costumi sono curati da Maria Grazia de Rosa e Angela Infante; fotografie di Alessandro Forcelli, audio e luci di Andrea Longone; ottimizzazione di Rocco Lionetti.

Ricordo infine che prosegue la collaborazione dell’associazione Enarché – presieduta da Carlo Bonfitto – con l’Assessorato alla Politiche Sociali del Comune di Foggiaretto da Erminia Roberto: il progetto Il teatro è cultura, la cultura è per tutticonsentirà a persone in condizioni economiche svantaggiate (due per ogni messinscena di teatro adulti e tre per il teatro famiglia) di assistere gratuitamente agli spettacoli del Teatro Regio di Capitanata. Gli spettatori saranno individuati dagli elenchi dell’Assessorato.

Nota Bene: gli ingressi a entrambi gli spettacoli sono aperti anche ai non soci Enarché.

16a Stagione Teatrale 2016/2017 Associazione Enarché – Teatro Regio di Capitanata

Accummugghje e scummugghje

Commedia in dialetto in due atti di Michele Norillo

Con: Giovanni Mancini, Lidia Delle Noci, Michele Norillo, Maristella Mazza, Amalia Ponziano.

Audio e luci: Andrea Longone; Scenografia: Maria Grazia de Rosa; Costumista:Angela Infante; Fotografie: Alessandro Forcelli; Ottimizzatore: Rocco Lionetti.

Foggia, Teatro Regio di Capitanata (c/o Chiesa Madonna del Rosario – via Guglielmi, 8)

Sabato 29 e domenica 30 ottobre 2016

Orari: porta h 20.30, sipario h 21.00.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Week end sulle colline daune all'insegna dello zafferano

Articolo successivo

Il 25 Ottobre 2004 l'omicidio di Leonardo Biagini.