Home»Cultura e territorio»Il Castello di Lucera ‘sold out’ per Le Torri di Capitanata

Il Castello di Lucera ‘sold out’ per Le Torri di Capitanata

Primo weekend a Lucera, poi Orsara di Puglia e Pietramontecorvino con "InPuglia 365"

La Torre della Regina, nel Castello Svevo Angioino di Lucera, è alta 25 metri e ha un diametro di 14. A guardarla, sembra ancora più grande, più imponente e maestosa. Molti non sanno che si può ammirare anche all’interno. Vi si accede attraverso una comodissima scalinata in legno. Anche gli ambienti interni della Torre sono ampi e affascinanti: dalle feritoie, ammirare il resto della Fortezza dà i brividi. Un’emozione ancora più intensa è dominare il panorama dall’alto delle mura: da questo punto, si ha la stessa visuale che avevano il Re, la Regina, o i soldati di vedetta. E’ una visuale che abbraccia tutto il Tavoliere delle Puglie, con uno sguardo a 360 gradi che nelle giornate col cielo più terso può arrivare a scorgere rilievi e skyline dei paesini posti quasi al confine con la Campania. Una bellezza che lascia ammirati e stupefatti. Un vero e proprio spettacolo di storia, paesaggio e architettura che, sabato 16 settembre 2017, si aprirà come il sipario delle meraviglie per farsi ammirare dai partecipanti all’iniziativa “Le Torri di Capitanata: Invasioni spettacolari”, progetto ideato dal regista e attore Germano Benincaso, finanziato dalle risorse POR FESR-FSE 2014-2020 – Azione 6.8 – Asse VI – “In Puglia 365 Estate”, sostenuto dalla collaborazione dei Comuni di Lucera, Orsara di Puglia e Pietramontecorvino. L’iniziativa di Lucera – che oltre alla visita guidata nella Torre della Regina prevede un’esperienza unica che unisce teatro, musica e video-arte – ha già fatto registrare il tutto esaurito, con prenotazioni arrivate anche da Lazio e Campania oltre che da tutta la Puglia.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
1
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Mediterranea Apulia Festival: la scienza promuove il "made in Puglia"

Articolo successivo

Carpi-Foggia, in vendita i biglietti per il settore ospiti