Home»Cultura e territorio»Biblioteca, quattro appuntamenti dedicati alla Musica Classica

Biblioteca, quattro appuntamenti dedicati alla Musica Classica

Da Beethoven a Vivaldi, quattro appuntamenti a cura della sezione Immagini&Suoni della Biblioteca di Foggia “La Magna Capitana”

Tornano in quattro appuntamenti le Guide all’Ascolto di Musica Classica, a cura della sezione Immagini&Suoni della Biblioteca di Foggia “La Magna Capitana”.

Si parte venerdì 24 febbraio 2017, alle ore 16.30, nella Saletta Proiezioni della Biblioteca, al II piano, vicino all’Auditorium.

La forza purificatrice del dramma in musica è il titolo dell’incontro dedicato a Mozart e a Verdi.

La conduzione sarà affidata a Marco Maria Lacasella, bibliotecario e direttore d’orchestra, che ha ideato l’intera rassegna.

All’ascolto dei brani musicali si alternerà la proiezione di alcune scene teatrali di vari autori.

Filo conduttore, il potere che ha la musica di contenere paure e ansie dell’uomo nel suo cammino esistenziale, esaltandone aneliti e speranze.

Si prosegue venerdì 17 marzo con un incontro dedicato alle musiche di Donizetti, Puccini, Rossini, Beethoven. Sarà questa l’occasione per soffermarsi sul mito di Orfeo e sulla distinzione dei vari tipi di amore, tra i quali Filia, Eros e Agàpe, con riferimento al teatro lirico-drammatico e sinfonico.

La malinconia trasfigurata è il titolo del terzo incontro, in programma venerdì 24 marzo. Il pubblico potrà ascoltare brani per voce e pianoforte, su musiche di Lied (componimento vocale tedesco) di Schubert e Schumann.

L’ultimo appuntamento, il 7 aprile, dal titolo Tra mistero e chiarità, è dedicato alla settimana Santa e alle metamorfosi del dolore. Saranno proposti alcuni testi musicati da Bach (passione secondo Matteo), e lo Stabat Mater di Pergolesi e Vivaldi.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Il carnevale foggiano rappresentato dall'istituto "Alfieri - Garibaldi"

Articolo successivo

Piazza Cavour, paradigma dell'indeterminazione amministrativa della giunta Landella