Home»Cultura e territorio»Dal Brasile per scoprire il Parco Nazionale del Gargano

Dal Brasile per scoprire il Parco Nazionale del Gargano

La blogger Ana Grassi sbarca in Puglia

Un’intera settimana per conoscere le bellezze del Parco Nazionale del Gargano e promuoverle in Brasile. Ecco cosa ha spinto la blogger brasiliana Ana Grassi, tra i top influencer internazionali, a scegliere una nuova meta turistica da proporre sulla rivista di turismo “Aprendiz de Viajante” e sul suo seguitissimo blog “ITALIAna” (https://italiana.blog.br/), fondato nel 2014 e divenuto in breve tempo la principale fonte di ricerca online per i turisti brasiliani che vogliono visitare l'Italia. Da oltre dieci anni, inoltre, Ana lavora nel suo atelier come “travel designer”, offrendo anche itinerari personalizzati e tematici per agenzie di viaggio, piccoli gruppi e famiglie. Più di duemila persone hanno già visitato l'Italia con il suo aiuto.

Fra i suoi principali partners ci sono numerosi hotel della rete internazionale Relais & Chateaux, chef italiani rinomati con stelle Michelin e membri della giuria di Masterchef Italia. “Il Parco Nazionale del Gargano – dichiara Ana Grassi – è una meta turistica ancora poco conosciuta ai brasiliani ed è proprio per questa ragione che ho deciso di trascorrere qui alcuni giorni. Il mio obiettivo principale è quello di raccontare ai miei lettori un’Italia autentica e non prettamente turistica, un Paese da vivere e non solo da vedere”. Ecco perché ha scelto di scoprire in prima persona il Gargano in un tour, organizzato dell’Ente Parco Nazionale, che partirà il 26 marzo per concludersi il 2 aprile. La sua prima destinazione sarà Manfredonia, dove potrà ammirare il Castello, gli Ipogei Capparelli e la Basilica di Santa Maria di Siponto oltre che scoprire l’arte dei maestri cartapestai, in uno dei padiglioni dove ogni anno si preparano i carri del Carnevale. Sempre a Manfredonia, Ana Grassi visiterà l’Oasi Lago Salso ed andrà a caccia delle orchidee spontanee, molte delle quali già fiorite nonostante il clima non proprio primaverile.

Nei giorni a seguire il tour proseguirà alla volta di Vieste e Peschici – dove la blogger brasiliana potrà cimentarsi con operazioni di pesca sui trabucchi, perdersi nei bianchi vicoli dei centri storici, visitare le botteghe artigiane – Vico del Gargano e la Foresta Umbra, fresca di riconoscimento UNESCO per le sue faggete vetuste. Non mancherà una tappa a Cagnano ed al lago di Varano. Accompagnata dal vicepresidente dell’Ente Parco Claudio Costanzucci Paolino, Ana Grassi visiterà la grotta di San Michele, la stazione idrovolanti della Prima Guerra Mondiale ed il villaggio di pescatori scavato nelle falesie. Sarà San Marco in Lamis ad accoglierla invece nel giorno del Venerdì Santo, dedicato ad uno dei riti più ancestrali e suggestivi del Gargano, l’accensione delle Fracchie.

Dall’itinerario non potevano di certo restare fuori le Isole Tremiti, che la blogger raggiungerà in elicottero, il modo migliore per apprezzare il Gargano anche dall’alto. La visita si chiuderà il giorno di Pasqua a Monte Sant’Angelo, tra il santuario UNESCO, gli eremi di Pulsano, il castello svevo e i profili dello Junno, il rione più caratteristico della città di San Michele. Attraverso il suo blog e i suoi canali social (oltre 30 mila followers via Facebook e Instagram), l’influencer brasiliana potrà promuovere anche tutte le prelibatezze gastronomiche del territorio che avrà modo di testare lungo i sentieri di questa full immersion nello Sperone d’Italia.

1
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Vacanze Pasquali: Corse straordinarie Frecciabianca sulla direttrice Adriatica

Articolo successivo

Resistenza e minaccia a pubblico ufficiale: in manette un foggiano

Nessun commento

Lascia un commento