Home»Cultura e territorio»Al Don Uva di Foggia, volantini offensivi contro i sindacati

Al Don Uva di Foggia, volantini offensivi contro i sindacati

Mesto (Ugl Sanità): “Offese gratuite e prive di fondamento”

“La chiusura dell’accordo raggiunto tra l’Universo Salute e tutti i sindacati ha rappresentato un’ottima notizia per tutti noi. Siamo convinti che, quando alla contrattazione si affianca il dialogo, il confronto e l’ascolto delle ragioni dell’altro, le soluzioni ai problemi si trovano.

Ma ci resta l’amarezza per uno spiacevole episodio segnalatoci dai nostri iscritti, relativo a dei volantini dal contenuto ingeneroso ed offensivo, diffusi prevalentemente nella sede di Foggia del Don Uva”.  Con questa nota fatta pervenire agli organi di stampa dalla Segreteria regionale dell’Ugl Sanità Puglia, Giuseppe Mesto intende sintetizzare “solo alcuni passaggi riportati nel foglio di propaganda, quelli – aggiunge – ritenuti più significativi per giustificare il senso di disagio provato dai nostri associati. Volantino che – puntualizza il sindacalista -, per comune senso di rispetto dovuto ai colleghi degli altri corpi sociali intermedi, evitiamo di divulgare integralmente.

C’è un passaggio in particolare – spiega Mesto – dove una sigla sindacale riportata in calce nel prestampato, avrebbe ‘messo in luce le «nefandezze» di altre organizzazioni sindacali’. Come Segreteria generale dell’Ugl Sanità Puglia, nell’attesa che si faccia chiarezza sullo spiacevole incidente comunicativo – prosegue il Segretario generale regionale -, desideriamo esprimere la più sentita solidarietà a tutti i lavoratori che si sono sentiti colpiti da offese del tutto gratuite e prive di ogni fondamento. Per questo motivo – conclude -,invochiamo l’importanza delle più elementari forme di civile rispetto, con l’auspicio che si sia trattato del primo ed ultimo episodio di questo genere”.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Erano a bordo di una Nissan Almera rubata: arrestati due cittadini extracomunitari

Articolo successivo

Orsara, Scuola Felice: ecco i bandi per borse e trasporto