Home»Cultura e territorio»A Foggia la “Mostra Internazionale del Calcio” con le maglie di Maradona e Pelè

A Foggia la “Mostra Internazionale del Calcio” con le maglie di Maradona e Pelè

Dopo il grande successo a Roma il Museo Internazionale del Calcio fa tappa a Foggia presso il Con.Ar.t (Villaggio Artigiani) con più di 200 pezzi esposti: il pallone del primo mondiale di calcio e le maglie di Maradona e Pelè

Dopo il grande successo a Roma la “Mostra Internazionale del Calcio” fa tappa a Foggia presso il Con.Ar.T (Villaggio Artigiani) con più di 200 pezzi esposti: il pallone del primo mondiale di calcio e le maglie di Maradona e Pelè

Palloni, maglie, scarpini, biglietti originali, storiche prime pagine dei giornali per un campionario di oltre 200 pezzi, la Mostra del Calcio Internazionale organizzata dall’Aics (Associazione Italiana Cultura e Sport) di Foggia, Con.ar.t., Mitico Channel, ASD Capitanatainsport e la libreria Velasquez (Decorparty partner dell’evento), fa tappa a Foggia, visitabile fino al 19 maggio nei locali del Con.Ar.t. a Villaggio Artigiani.

I pezzi esposti fanno parte delle grandi collezioni  di Luigi Carvelli e Renato Mariotti e ci permettono di ripercorrere la storia del calcio a partire dal XIX secolo con le maglie in lana ed i numeri cuciti a mano, passando per quelle indossate da Pelè, Maradona, Beckenbauer e Cruijff, fino ad arrivare ai giorni nostri con le moderne divise di Neymar e Mertens. Esposte anche le maglie degli azzurri protagonisti e vincitori dei mondiali ’82 e ’06, Tardelli e Materazzi, e la storica maglia del Brescia di Roberto Baggio senza sponsor, utilizzata in segno di lutto dopo l’attentato alle torri gemelle nel 2001.

C’è poi  l’inusuale divisa a strisce biancoverdi utilizzata dalla nazionale francese di Platini ai Mondiali del 1978,  presa in prestito da una squadra argentina di serie C per risolvere i problemi di uguaglianza cromatica prima della sfida con l’Ungheria. Presente anche il Foggia Calcio che, in occasione dei 98 anni della sua nascita, espone le maglie rossonere e i trofei vinti dai satanelli nelle ultime due stagioni.

Fra i pezzi in mostra 27 palloni di cuoio: di cui 2 palloni del ’30, 3 palloni del ’34, 2 palloni del ’38, 2 palloni del ’50, un pallone del ’54, un pallone del ’58, 1-2 palloni del ’66, un pallone del ’70, un pallone del ’74, un pallone del ’78, un pallone nell’82, un pallone nell’86, un pallone nel ’90, un pallone nel ’98, un pallone nel 2002, 2 palloni nel 2006, un pallone nel 2010, un pallone nel 2014, un pallone nel 2018; 27 paia di scarpini: 2 paia a mondiale fino al 1954 (1930, 1934, 1938, 1950, 1954) e dal ’58 al 2014, 15 paia; 20 biglietti di ingresso stadio Mondiali; 20 Locandine mondiali (copie); 20 prime pagine dei giornali dell’epoca (copie); 40 maglie circa originali: Maradona (Argentina e Napoli), Pelè Santos, Zico Flamendo, Ronalco C. (Real Madrid), Ronaldo (Inter), Messi (Barcellona), Baggio (Italia e Brescia), Totti (Italia), Del Piero (Juventus), Beckham (Real Madrid), Neymar (Barcellona), Ibrahimovic (Milan), Maldini (Milan), Pirlo (Italia e Juventus), Buffon (Juventus),  Cannavaro (Italia), Tardelli (Italia), Shevchenko (Milan), Batistuta (Argentina), Ronaldinho (Brasile), Spinosi (Italia 1974), “Dinamite” Vasco da Gama,  Falcao,  Beppe Bergomi (Inter),  Dybala (Juventus), Gianluca Vialli (Sampdoria), Gaucho Gremio, Cruijff (Olanda), Borgonovo, Gerd Muller (Germania), Caszely (Chile), Jairzinho (Brasile) e Gerson (San Paolo).

Fonte: serveate.com

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Musica e ricordi in onore di Gianni Cataleta

Articolo successivo

Alex Britti concerti 2018: tappa a Troia