Home»Cronaca»Violenta rapina in appartamento: individuato uno dei responsabili

Violenta rapina in appartamento: individuato uno dei responsabili

Ritenuto responsabile di una violenta rapina

In data 06.04.2018, gli Agenti della Polizia di Stato della  Squadra Mobile della Questura di Foggia hanno  eseguito la misura cautelare in carcere  emessa  dal GIP presso il Tribunale Ordinario di Foggia,  nei confronti di G. L., classe 1976 residente a Lucera, pregiudicato.

L’attività d’indagine trae origine dall’evento delittuoso verificatosi in data 28.08.2017 a Lucera, in danno di una donna, la quale, mentre si trovava presso la sua abitazione, veniva sopraffatta da tre individui i quali dopo averla picchiata, immobilizzata e legata, la rapinavano di circa 30,00 euro, di due cellulari e di altri monili in oro ed orologi vari rinvenuti dai tre malviventi all’interno dell’abitazione.

I tre malviventi, dopo aver messo a soqquadro l’appartamento, si allontanavano dall’abitazione lasciando la vittima in casa legata.

L’attività d’ indagine svolta dagli Agenti della Squadra Mobile ha consentito di raccogliere gli elementi utili, per l’inoltro della richiesta di custodia cautelare da parte del P.M., in particolare essa si è sviluppata prevalentemente su una minuziosa osservazione delle immagini delle varie telecamere ivi posizionate che fornivano spunti particolarmente importanti per l’identificazione del G., nei confronti del quale veniva operata quasi nell’immediatezza una perquisizione che consentiva di rinvenire importanti riscontri investigativi a carico del malvivente.

Al momento del suo rintraccio, avvenuto presso il suo domicilio di fatto, G. L., già sottoposto alla misura alternativa dell’affidamento in prova presso l’U.E.P.E. di Foggia, veniva trovato anche in possesso di gr.33 circa di sostanza stupefacente del tipo marijuana e di un bilancino di precisione.

Per tale motivo veniva deferito anche in stato di libertà per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Al termine delle formalità di rito G. L. veniva associato presso la Casa Circondariale di Foggia a disposizione dell’A.G..

0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Omicidio a Vieste: freddato il cugino del boss

Articolo successivo

Detenzione ai fini di spaccio: in manette un uomo classe 79'

Nessun commento

Lascia un commento