Home»Cronaca»Treno fermo in località Borgo Cervaro: intervengono E.R.A e Protezione Civile

Treno fermo in località Borgo Cervaro: intervengono E.R.A e Protezione Civile

Brutta esperienza per i viaggiatori

Treno Frecciargento bloccato in località Borgo Cervaro: necessario l’intervento delle guardie ERA e della protezione civile in soccorso ai passeggeri.

Questo quanto si legge sulla pagina facebook delle Guardie di Foggia:

“Il treno Frecciargento bloccato in località Borgo Cervaro a Foggia, E.R.A. Ambiente interviene in soccorso ai passeggeri.
A causa di un guasto elettico sui binari, questo pomeriggio, dalle ore 14.30, il treno Frecciargento partito da Lecce e diretto a Roma è rimasto fermo in località Borgo Cervaro a Foggia nei pressi di Ponte Albanito con a bordo 450 persone tra cui molti bambini. Il Dipartimento di Protezione Civile ha subito diramato uno stato di Preallerta al quale ha prontamente risposto anche E.R.A. Ambiente.
Sul posto, unitamente a personale delle Ferrovie, Polizia Ferroviaria e 118, sono giunti nostri uomini e mezzi di Protezione Civile E.R.A. Ambiente. Il guasto ha provocato l’interruzione di energia elettrica anche ai condizionatori e, pertanto, alcuni passeggeri sono stati fatti scendere dal convoglio e assistiti dai nostri operatori con kit d’assistenza. Nella circostanza, due passeggeri hanno accusato malore ma per loro nulla di grave.
Le operazioni di assistenza sono terminate intorno alle ore 18:00 quando, dopo che il guasto è stato riparato, il treno ha ripreso la sua corsa.
Ringraziamenti ed elogi per il nostro operato sono giunti dal li presente personale delle Ferrovie e dalla direzione della Protezione Civile.
Noi sempre al servizio della comunità.”

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
1
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Rifiuti a Cerignola, la Cia "E' una bomba a orologeria"

Articolo successivo

Passeggero di una nave colto da infarto: decisivo l'intervento della Guardia Costiera