Home»Cronaca»Tenta di rubare in un negozio di apparecchiature musicali in via Rosati: 16enne denunciato

Tenta di rubare in un negozio di apparecchiature musicali in via Rosati: 16enne denunciato

Decisiva la chiamata da parte di un cittadino

Nella decorsa nottata Agenti della Polizia di Stato del Reparto Volanti della Questura di Foggia, unitamente al Reparto Prevenzione Crimine di San Severo hanno denunciato un ragazzo minorenne di anni 16, foggiano per tentato furto aggravato in concorso  e detenzione sostanze stupefacenti.

Su segnalazione della sala operativa gli Agenti intervenivano in Via Rosati per segnalazione di furto in negozio di strumenti e apparecchiature musicali ad opera di tre persone.

Nei pressi bloccavano un giovane che cercando di guadagnarsi la fuga, in evidente stato di agitazione; il ragazzo spontaneamente consegnava le chiavi di un’auto che si trovava parcheggiata nei pressi del negozio.

Si precisa che lo stabile accanto all’attività oggetto di furto aveva subito un incendio alcuni mesi fa e che i ladri si erano introdotti all’interno rimuovendo delle tavole poste a protezione dell’ingresso del locale e rimuovendo un contatore di energia elettrica dal quale si aveva accesso al negozio depredato. Difatti il giovane fermato si presentava tutto sporco di fuliggine a riprova che si era introdotto proprio attraversando  i luoghi precedentemente oggetto di incendio. Le strumentazioni musicali rubate venivano rinvenute alcune nel cassonetto dell’immondizia posto di fronte al negozio e altre  all’interno dello stabile incendiato  attiguo.

All’interno dell’autovettura di cui il minore possedeva le chiavi sono stati sequestrati anche grammi 7.5 di sostanza stupefacente del tipo hashish.

Tutta la refurtiva rinvenuta veniva restituita al proprietario, mentre il minore

dopo le formalità di rito veniva riaffidato al genitore.

Anche in questo caso, la collaborazione del cittadino con l’immediata segnalazione alla sala operativa ha consentito agli Agenti della Polizia di Stato di svolgere la loro attività in modo proficuo assicurando il responsabile alla giustizia.

0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Evasione e residuo pena: due arresti

Articolo successivo

Fermato per un normale controllo, i Carabinieri scoprono che si tratta di un ricercato

Nessun commento

Lascia un commento