Home»Cronaca»Spacciava e rubava energia elettrica: fermato foggiano

Spacciava e rubava energia elettrica: fermato foggiano

Un uomo foggiano è stato tratto in manette con le accuse di spaccio, coltivazione abusiva e furto di energia elettrica. Il fatto è successo in una nota zona della città

In data 9 ottobre u.s., Agenti della Polizia di Stato del Reparto Volanti della Questura di Foggia hanno tratto in arresto L.N. classe 1964, per il reato di detenzione ai fini di spaccio, coltivazione abusiva di piante e furto di energia elettrica.

Durante un servizio di controllo del territorio in zona Piazza Padre Pio, gli Agenti intimavano l’alt di Polizia nei confronti del conducente di una Fiat Panda. Questi con una manovra repentina si sottraeva al fermo e a tutta velocità scappava in direzione Via Immacolata.

La targa rilevata da uno degli Agenti consentiva di risalire all’intestatario della Panda  fuggita al controllo, poi identificato per L.N. e all’indirizzo dell’abitazione.

Giunti presso l’abitazione del predetto, gli Agenti trovavano soltanto un familiare del proprietario della Panda e sul tavolo notavano frammenti di hashish e marijuana, pertanto effettuavano una perquisizione domiciliare, oltre che all’abitazione anche al terreno di pertinenza.

In un silos venivano rinvenute 49 piante di marijuana appese ad una corda ad essiccare,  poco distante in un terreno usato come orto, si rinvenivano 11 piante di marijuana con relativo impianto di irrigazione.

Nel contempo il conducente della Panda, L.N., si presentava in Questura per chiarire la sua posizione riguardo al fermo, ma alla luce di quanto accertato veniva tratto in arresto per i reati suddetti, incluso il furto di energia elettrica, rilevato sempre presso la sua abitazione.

Alla fine delle formalità di rito, l’arrestato veniva condotto presso la locale Casa Circondariale a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Foggia si rifà il look a partire dalle fondamenta

Articolo successivo

Nuova stagione per il Teatro dei Limoni

Nessun commento

Lascia un commento