Home»Cronaca»Servizio anticaporalato: altre due denunce da parte dei Carabinieri

Servizio anticaporalato: altre due denunce da parte dei Carabinieri

Proseguono i controlli nelle campagne del tavoliere

Nella mattinata di mercoledi scorso i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di San Giovanni Rotondo, con l’ausilio dei colleghi del Nucleo Ispettorato Lavoro di Foggia e di personale dello  SPESAL, a conclusione di un servizio di controllo straordinario del territorio, effettuato al confine tra San Marco in Lamis e Manfredonia, e finalizzato alla repressione dei reati concernenti lo sfruttamento del lavoro e della sua intermediazione illecita, e alla verifica delle condizioni di sicurezza dei lavoratori, hanno deferito in stato di libertà un cittadino bulgaro e un imprenditore agricolo del posto, il primo per “caporalato” e il per alcune violazioni delle norme riguardanti la sicurezza sul lavoro.

Al termine di un prolungato servizio di discrete osservazioni, durato alcuni giorni, le cui risultanze sono state poi corroborate da particolareggiate escussioni testimoniali ed altri approfondimenti investigativi, i Carabinieri hanno potuto provare che il cittadino bulgaro si occupava del reclutamento della manodopera, composta da suoi connazionali, in chiare condizioni di sfruttamento, che con due furgoni di sua proprietà accompagnava sul luogo di lavoro, di fatto approfittando del loro stato di bisogno.

Mercoledi, quindi, i militari sono intervenuti sul campo, identificando 19 lavoratori, tutti di nazionalità bulgara, regolari sul territorio italiano e domiciliati in Trinitapoli, e qui, verificate le condizioni di lavoro, sono state comminate sanzioni amministrative per un totale di circa 20.000 euro al datore di lavoro, in quanto i dipendenti non indossavano alcuna dotazione di sicurezza.

I furgoni utilizzati per il trasporto sono stati sottoposti a fermo amministrativo poiché non idonei alla circolazione stradale, pericolosi sia per i lavoratori che per gli altri utenti della strada.

Sono ora in corso ulteriori accertamenti, finalizzati a verificare, sulla base dei servizi di osservazione svolti, la corrispondenza tra le dichiarazioni sulle ore lavorative registrate e quelle realmente effettuate.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Furti d'uva nelle campagne del foggiano: intervengono i Carabinieri

Articolo successivo

I Carabinieri setacciano l'Alto Tavoliere: diversi arresti