Home»Cronaca»Il caso del primario Paride Morlino: assolto poichè il fatto non sussiste

Il caso del primario Paride Morlino: assolto poichè il fatto non sussiste

Entrambi i difensori del dott. Morlino, avv. Giulio Scapato e avv. Gaetano de Perna, esprimono vivo apprezzamento per l’esito del processo

Con sentenza dell’11.11.2016 la Corte di Appello di Bari I^ sez., presieduta dal dott. Pica, nel processo denominato “spending review” ha assolto con formula piena (il fatto non sussiste) e su analoga richiesta del Procuratore Generale, il primario di “Malattie dell’Apparato Respiratorio” dell’Ospedale di San Severo (FG), il dott. PARIDE MORLINO, dai reati di falso ideologico (art. 479 c.p.) e truffa (art. 640 c.p.) per una vicenda risalente agli anni 2007 e 2008 allorquando fece acquistare alla ASL FG alcuni dispositivi “tagli aghi” utili al suo reparto e per la quale vicenda in primo grado fu condannato a seguito di giudizio abbreviato dal GUP di Foggia dott. Buccaro con sentenza del 5.02.2014, alla pena di anni 1 e mesi 4 di reclusione.

Il dott. Morlino, che ha sempre riposto fiducia nella Giustizia solo dopo circa 3 anni dalla sentenza di condanna  si è visto ridare dignità di medico e comune cittadino e poter quindi continuare a camminare a testa alta.

Alla pari del dott. Morlino e su analoga richiesta del Procuratore Generale sono stati assolti anche tutti i medici con lui imputati.

Entrambi i difensori del dott. Morlino, avv. GIULIO SCAPATO e avv. GAETANO de PERNA, esprimono vivo apprezzamento per l’esito del processo anche nella piena convinzione dell’estraneità ai fatti del proprio assistito

0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Il Movimento per le Destre Unite a Manfredonia per il NO a Energas

Articolo successivo

Tregua del maltempo nel weekend. A picco le temperature

Nessun commento

Lascia un commento