Home»Cronaca»Rubano rame all’interno di un’azienda, ma arrivano i Carabinieri: due persone in manette

Rubano rame all’interno di un’azienda, ma arrivano i Carabinieri: due persone in manette

Si tratta di due rumeni già gravati da precedenti di Polizia

I Carabinieri della Compagnia di Lucera hanno tratto in arresto, in pieno giorno, un trentunenne ed un ventisettenne, entrambi rumeni e già gravati da precedenti di polizia, sorpresi a rubare rame all’interno dell’ex laterificio Saba Fantini, in località Montaratro, mentre erano impegnati ad asportare 20 chili di cavi elettrici. I due pensavano di aver messo in pratica tutti gli accorgimenti necessari per non essere scoperti. Essendo l’azienda isolata potevano operare indisturbati, grazie anche all’ausilio di un terzo complice che, in funzione di “palo”, li aspettava in auto per avvisare dell’eventuale sopraggiungere delle forze dell’ordine.

Ma è stata proprio la sospetta presenza dell’auto ad attirare l’attenzione del personale della vigilanza privata deputato al controllo anche dell’ex laterificio. Una guardia giurata, transitando, ha infatti notato l’autovettura sospetta e ha contattato il pronto intervento Carabinieri, che immediatamente ha inviato due pattuglie della locale Compagnia, una con i colori d’istituto e l’altra il borghese. Alla vista della guardia giurata, l’auto sospetta si era subito data alla fuga, dileguandosi prima ancora dell’arrivo dei Carabinieri. Il rapido dispiego dei militari ha comunque consentito a questi di cogliere i due ladri ancora sul fatto all’interno del capannone. I Carabinieri, constatato lo stato del luogo, le evidenti tracce del reato in corso, i notevoli danni arrecati alla struttura da parte dei due romeni, li hanno portati presso il Comando Compagnia di Via San Domenico per gli accertamenti di rito, all’esito dei quali, stante anche la flagranza del reato, ai loro polsi sono scattate le manette. La refurtiva è stata restituita, e i danni sono stati provvisoriamente calcolati in circa 2000 euro complerssivi. I due sono stati rinchiusi nelle camere di sicurezza della caserma in attesa della celebrazione del giudizio direttissimo.

0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Servizi mirati al contrasto dei parcheggiatori abusivi e dei commercianti abusivi

Articolo successivo

Rapine in Lombardia, in manette un pregiudicato di Monte Sant'Angelo

Nessun commento

Lascia un commento