Home»Cronaca»Rifiuti romani, la protesta dell’Ugl: “l’aggiunta di nuovi rifiuti potrebbe creare disagi”

Rifiuti romani, la protesta dell’Ugl: “l’aggiunta di nuovi rifiuti potrebbe creare disagi”

"Il commissario Grandaliano dispone, senza tener conto delle effettive capacità di trattamento dell’impianto di Foggia: ulteriori rifiuti potrebbe creare una situazione di emergenza!"

È arrivata l’estate e a foggia tira aria di rifiuti romani. Alla luce dell’accordo tra i governatori della Regione Lazio e Regione Puglia, la conferma avvenuta con voto in consiglio regionale, si è accolta la richiesta del Comune di Roma all’accettazione di rifiuti provenienti dalla capitale, da conferire all’impianto di Foggia ed in altri tre impianti pugliesi.

Il commissario Grandaliano dispone, senza tener conto delle effettive capacitá di trattamento dell’impianto di Foggia giá sovrastimate, creando il rischio emergenza, anche in considerazione dell’aumento della produzione dei rifiuti dei comuni a vocazione turistica (vedi comuni del Gargano) che ad oggi giá conferiscono all’impianto di Passo Breccioso.

Si ricorda che l’impianto di Foggia, sulla scorta di precedenti autorizzazioni dell’ager (avv. grandaliano), è andato in soccorso dei comuni della provincia BAT, dell’intera provincia di Foggia (fino a dicembre 2017) e recentemente anche dei comuni del consorzio fallito, sia/fg4 (autorizzazione in odore di proroga). Oggi, all’impianto di Foggia si vive ancora una situazione poco felice, in attesa di smaltire i rifiuti trattati nei mesi scorsi e non completamente avviati a smaltimento; quindi l’aggiunta di altri rifiuti indifferenziati (non si capisce ancora peraltro il quantitativo giornaliero da accogliere) rischierebbe di creare ulteriori disagi, mettendo a rischio l’intera gestione rifiuti del comune di Foggia.

Ci chiediamo come mai Bari non è stata interessata dalla questione “solidarietá istituzionale” per la capitale romana? Come mai? Perché si vuole far ricadere sempre sull’impianto di Foggia certi aggravi e non su quello di Bari? All’impianto di Foggia vanno sempre e solo i rifiuti mentre all’Amiu Puglia – Bari l’80% dei ricavi! A tutto questo diciamo no! Si fa presente che a dicembre 2017 all’impianto di Foggia hanno conferito oltre 60 comuni al giorno, a Bari ci risulta che ne conferiscano solo 4 o 5!

Grandaliano non è piú il n.1 di amiu puglia, quindi a nostro avviso dovrebbe rendersi prima conto delle reali situazioni in essere agli impianti prima di autorizzare flussi extra, anche perché l’agenzia di cui è a capo è stata creata dal presidente Emiliano proprio per una situazione emergenziale, sulla gestione dei rifiuti pugliesi. Questa è l’eredità lasciataci dopo 10 anni di governo Vendola che predicava i “rifiuti zero” e ad oggi siamo ancora in attesa di un piano regionale sulla gestione dei rifiuti.

Segreteria Territoriale UGL
(il delegato provinciale)
Antonio Papa

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Cinquanta sfumature di menopausa, convegno

Articolo successivo

Non tollera la madre, pregiudicato ai domiciliari si presenta in Questura e chiede di essere condotto in carcere