Home»Cronaca»Ricettazione e riciclaggio: in manette due foggiani

Ricettazione e riciclaggio: in manette due foggiani

I due sorpresi in un autoparcheggio di via Lucera

Nel corso della trascorsa serata del 28 c.m., gli Agenti della Polizia di Stato della Squadra Volanti della Questura di Foggia hanno arrestato V. A.,  pregiudicato foggiano classe 1987 e  G. A., pregiudicato foggiano classe 1990, colti in flagranza di reato di ricettazione e riciclaggio.

Alle ore 21.25, gli Agenti della Polizia di Stato si addentravano all’interno di un autoparcheggio sito in Via Lucera, immediatamente fuori il centro cittadino. Nella perlustrazione dell’interno dell’autoparco, notavano una Fiat Panda 4×4 con targa già segnalata come autovettura che non si era fermata all’Alt Polizia. Quest’ultima si trovava parcata innanzi un box di metallo chiuso ma con luce accesa. Provenire dall’interno si udivano una serie di rumori metallici.

Con l’ausilio di una seconda volante giunta sul posto, gli Agenti procedevano ad effettuare una irruzione. All’interno venivano sorpresi i due malviventi armeggiare su un motociclo con martello e punzonatori alfanumerici utilizzati per la ribattitura del telaio. Da immediati accertamenti si acclarava la provenienza furtiva. La caparbietà degli operatori permetteva di accertare la provenienza illecita della Panda parcata dinanzi l’ingresso del box, nonché la provenienza illecita di un ulteriore motociclo posto all’interno. Attraverso una meticolosa perquisizione venivano rivenuti una serie di strumenti utilizzati dai due malviventi per modificare i numeri seriali dei telai, al fine di camuffare la provenienza illecita dei motocicli e dell’autovettura.

 

L’intervento della Polizia di Stato ha permesso di arrestare i due malviventi. Al termine della formalità di rito sono stati condotti presso la Casa Circondariale di Foggia a disposizione dell’Autorità Giudiziaria competente.

0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Rapina a mano armata ai danni di una farmacia: minorenne finisce in comunità

Articolo successivo

Quartiere Ferrovia: continuano i controlli

Nessun commento

Lascia un commento