Home»Cronaca»Rapina nell’abitazione di un anziano disabile, arrestati due giovani

Rapina nell’abitazione di un anziano disabile, arrestati due giovani

Hanno finalmente un volto i responsabili della rapina in un'abitazione di Margherita di Savoia perpetrata lo scorso 22 marzo, quando due persone avevano fatto irruzione nella casa di un anziano disabile

Hanno finalmente un volto i responsabili della rapina in un’abitazione di Margherita di Savoia perpetrata lo scorso 22 marzo, quando due persone avevano fatto irruzione nella casa di un anziano disabile, privo degli arti inferiori. Si tratta di RIONDINO EMANUELE, cl. ’89, e MARRANO GIUSEPPE, cl. ’83, entrambi pregiudicati locali, il primo già sottoposto agli arresti domiciliari per altri reati.

Quella notte i due, dopo aver forzato una finestra, si erano introdotti nell’abitazione posta al piano terra della loro vittima, ma l’anziano, svegliato dai rumori causati dalla rottura della finestra, si era messo a urlare. I malfattori, preoccupati che le grida del poveretto potessero attirare i vicini di casa, lo avevano colpito alla testa con un oggetto contundente e, in tutta fretta, si erano impossessati del solo portafogli della vittima, contenente Euro, che era sul comodino, per poi darsi a precipitosa fuga. Solo il caso ha voluto che il gesto inconsulto dei due delinquenti non portasse a conseguenze ben più gravi: la vittima, infatti, sottoposta alle cure dei sanitari, aveva riportato solo delle contusioni e delle escoriazioni al cranio.

Le immediate indagini dei Carabinieri della Stazione di Margherita di Savoia avevano quindi permesso di addivenire in pochi giorni all’identità dei responsabili del grave episodio delittuoso. Il GIP del Tribunale di Foggia, concordando con le investigazioni dei Carabinieri e con la successiva richiesta di custodia cautelare avanzata dal Pubblico Ministero, ha emesso un’ordinanza con la quale dispone l’arresto di entrambi.

Al termine degli accertamenti di rito, Riondino è stato associato presso la Casa Circondariale di Foggia, mentre Marrano è stato sottoposto agli arresti domiciliari. Entrambi dovranno rispondere di rapina pluriaggravata e lesioni personali, mentre Riondino dovrà rispondere anche del reato di evasione.

 

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Non si placa la polemica su Piazza Cavour,il Comune :"Abbiamo il parere della Sovrintendenza"

Articolo successivo

Shady Hamadi racconta “Cosa vuol dire essere Siriani”