Home»Cronaca»Pluripregiudicato si fa revocare il regime non detentivo

Pluripregiudicato si fa revocare il regime non detentivo

Inizialmente ammesso a godere di un regime non detentivo per scontare una pena definitiva, se lo fa revocare a causa di ripetute violazioni. I carabinieri lo riportano in carcere

Manfredonia: inizialmente ammesso a godere di un regime non detentivo per scontare una pena definitiva, se lo fa revocare a causa di ripetute violazioni. I carabinieri di Monte Sant’Angelo riportano in carcere il pluripregiudicato Guerra Giulio

I Carabinieri della Stazione di Monte Sant’Angelo hanno tratto in arresto il pluripregiudicato 28enne GUERRA Giulio, ritenuto vicino a importanti soggetti appartenenti al clan mafioso li Bergolis.

L’uomo è stato rintracciato nella tarda serata dagli uomini dell’Arma del paese dell’Arcangelo Michele, tratto in arresto e tradotto presso il carcere di Foggia. Resosi responsabile nel tempo di svariati gravi reati, per lo più rapine, questa volta è stato arrestato in esecuzione di un provvedimento emesso negli ultimi giorni del 2017 dalla Procura Generale presso la Corte di Appello di Milano – Ufficio Esecuzioni Penali, per il quale lo stesso deve espiare una pena residua definitiva pari a due anni, tre mesi e cinque giorni di reclusione, oltre al recupero di una multa pari a 3.300 euro per svariati reati commessi nel 2008 nel comune di San Genesio ed Uniti (PV), tra i quali due concorsi in rapina a mano armata, consumate il 30 maggio 2008 ed il 1 ottobre 2008, sempre nel piccolo comune pavese.

Inizialmente ammesso al beneficio dell’affidamento in prova, infatti, l’uomo, a seguito di reiterate violazioni delle prescrizioni imposte e puntualmente documentate e riferite dagli uomini dell’Arma, è stato raggiunto da un nuovo provvedimento di revoca del beneficio emesso dalla stessa Autorità Giudiziaria concedente, in virtù del quale è stato arrestato e, al termine delle formalità, accompagnato presso il carcere di Foggia, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria mandante, dove deve espiare una pena residua di reclusione sino al 09.04.2020.

0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Custodia cautelare in carcere dopo anni di aggressioni, minacce e danneggiamenti

Articolo successivo

Un proiettile per il giornalista pugliese Pinuccio

Nessun commento

Lascia un commento