Home»Cronaca»Orrore a San Ferdinando di Puglia: due pitbull sbranano un 62enne

Orrore a San Ferdinando di Puglia: due pitbull sbranano un 62enne

La vittima si chiamava Giovanni Camasso ed è morto dopo due giorni di agonia

San Ferdinando di PugliaUn uomo di 62 anni è stato aggredito da due pitbull il 26 ottobre scorso mentre percorreva in bicicletta le campagne di San Ferdinando di Puglia, nella Provincia di Barletta Andria e Trani, per raccogliere verdure. L’uomo si chiamava Giovanni Camasso ed è morto dopo due giorni di agonia in ospedale.

Il 62enne è stato prima ricoverato nell’ospedale di Cerignola, poi trasferito in gravissime condizioni nel reparto di chirurgia plastica del policlinico di Bari, dove è morto il 31 ottobre. Gli animali, un maschio e una femmina, sarebbero fuggiti dal luogo recintato nel quale si trovavano e avrebbero aggredito l’uomo in via San Cassano. Cosa sia accaduto nel momento in cui i cani hanno assalito l’uomo è ancora tutto da chiarire, così come resta da spiegare se gli animali fossero stati lasciati liberi oppure siano fuggiti dalle costruzioni della zona.

La Procura di Bari ha aperto un’indagine disponendo l’autopsia che sarà eseguita domani a Bari. Nel registro degli indagati sono finiti i nomi dei tre proprietari dei cani, accusati di omicidio colposo. Ora gli animali si trovano nel canile di Andria. Dopo questa ulteriore tragedia si torna a interrogarsi e a discutere sulle misure da adottare per scongiurare il ripetersi di tragedie irrimediabili.

Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, a proposito della terribile vicenda di San Ferdinando di Puglia, chiede più tutele per la collettività da eventuali aggressioni da parte degli animali, più responsabilità per i proprietari dei cani e stop a quella che è divenuta da anni una tendenza. Troppe volte, si fa confusione tra aggressività e pericolosità dei cani. Ci sono cani di piccola taglia che abbaiano in continuazione e che possono essere abbastanza mordaci. Sono aggressivi sì, ma non pericolosi. I pitbull sono potenzialmente pericolosi, perché il loro morso può risultare letale. Purtroppo basta scorrere le statistiche e le raccolte dei giornali per vedere quali sono le razze che hanno provocato tragedie irrimediabili, nel corso degli anni.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

La solitudine aumenta il rischio di demenza del 40%

Articolo successivo

Luca Cicolella si racconta