Home»Cronaca»Omicidio fratelli Luciani a San Marco in Lamis: arrestato autore della strage

Omicidio fratelli Luciani a San Marco in Lamis: arrestato autore della strage

Un pregiudicato di Manfredonia sarebbe uno degli autori della strage di San Marco in Lamis

Manfredonia – Svolta nelle indagini sul terribile agguato avvenuto a San Marco in Lamis il 9 agosto 2017. Questa mattina i carabinieri del comando provinciale di Foggia insieme con quelli del raggruppamento operativo speciale e del comando provinciale di Bari, con l’ausilio dello squadrone eliportato carabinieri cacciatori Puglia e dell’11° reggimento Puglia, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di due persone di Manfredonia, uno accusato di essere uno degli autori della strage, si tratterebbe di un pregiudicato di Manfredonia, l’altro arrestato per armi.

Il presunto killer è accusato di essere l’autore di un orrendo episodio di cronaca che si consumò a San Marco in Lamis, in una strada di aperta campagna non lontano da una vecchia stazione, nel quale persero la vita quattro persone, tra cui i fratelli, innocenti, Luigi e Aurelio Luciani, due agricoltori del posto.Il vero obiettivo dell’agguato era il boss Mario Luciano Romito che si trovava in auto con suo cognato Matteo De Palma (anche lui morto), e che era a capo dell’omonimo clan che negli ultimi anni si era contrapposto al clan Li Bergolis nella cosiddetta “faida del Gargano”.

Dopo un anno da quel 9 agosto, oggi sembra esserci una svolta. I dettagli verranno forniti nel corso di una conferenza stampa in programma in mattinata negli uffici del Comando Legione Carabinieri Puglia, a Bari, presieduta dal Procuratore Capo di Bari, Giuseppe Volpe.

 

 

 

0
Condivisioni
Pinterest Google+
Articolo precedente

Domenica 21 ottobre a Manfredonia si viaggia a bordo di auto d'epoca

Articolo successivo

Lucera: "I mestieri del cibo. Sapere di terra", riscoprire storia e tradizioni della nostra terra

Nessun commento

Lascia un commento