Home»Cronaca»Madre e figlio aggrediscono e rapinano giovane in pieno centro – Individuati dalla Polizia di Stato

Madre e figlio aggrediscono e rapinano giovane in pieno centro – Individuati dalla Polizia di Stato

La donna è stata tradotta presso la locale Casa Circondariale a disposizione della Procura della Repubblica di Foggia.

Alle ore 22.00 circa del 29 settembre, la Polizia di Stato ha tratto in arresto I. M., classe 1976,con qualche precedente di polizia, poiché resasi responsabile di rapina e lesioni in concorso, insieme al proprio figlio, I.N., diciassettenne incensurato, denunciato per gli stessi reati alla Procura presso il Tribunale per i minorenni di Bari.

Un equipaggio della Squadra Volanti è intervenuto in via Tenente Iorio per una segnalazione di lite in strada; giunto nei pressi di Vicolo Caso, ha rintracciato un giovane ventunenne incensurato che, poco prima, era stato vittima di un’aggressione per futili motivi; lo stesso, scosso e dolorante, mostrava agli agenti le lesioni subite, riferendo di essere stato malmenato con calci e pugni da due persone a lui conosciute, un uomo ed una donna, rispettivamente madre e figlio.

Dopo averlo percosso, la donna gli ha sottratto un borsello che indossava a tracolla, contenente alcuni effetti personali e i due si sono poi allontanati a bordo di un’ autovettura di colore grigio, di cui sconosceva la targa. Gli agenti hanno subito richiesto l’intervento dell’autoambulanza del 118, che ha trasportato l’aggredito presso il locale Pronto Soccorso, dove è stato ricoverato.

A seguito di incessanti e mirate ricerche effettuate nell’immediatezza, gli agenti della Squadra Volante hanno individuato e fermato gli aggressori poco dopo, nei pressi di un agglomerato di case in via De Petra; gli stessi, ormai scoperti, non hanno opposto resistenza e la donna ha riconsegnato il borsello sottratto, con tutto il contenuto, poi restituito alla vittima.

La vicenda, dai primi accertamenti, è apparsa riconducibile ad una sorta di vendetta per un alterco, avvenuto lo scorso mese di luglio, tra la vittima e un altro figlio minorenne della donna.

Il malcapitato ha riportato gravi lesioni, con trauma cranico e toracico, ed è attualmente ricoverato presso il locale Ospedale con una prognosi di venti giorni.

La donna è stata tradotta presso la locale Casa Circondariale a disposizione della Procura della Repubblica di Foggia.

Continua, da parte della Polizia di Stato, il costante controllo del territorio volto a prevenire e reprimere i reati che quotidianamente turbano la tranquillità dei cittadini in tutto il territorio provinciale; l’attenta attività di prevenzione e la presenza incisiva di pattuglie sul territorio ha consentito di dare immediata risposta ad un increscioso episodio, di rilevante allarme sociale.

Per rimanere aggiornato su questo argomento segui la redazione di Foggia Reporter anche su Facebook, Twitter e Instagram 
0
Condivisioni
Pinterest Google+

Nessun commento

Lascia un commento

Articolo precedente

Foggia-Novara, le probabili formazioni

Articolo successivo

Spara al suocero e poi scappa fuori dalla Puglia: individuato ed arrestato